Donne manager sottorappresentate al WEF

di Teresa Barone

scritto il

Solo il 17% di donne manager al World Economic Forum 2013: cosa ne pensano le leader europee?

Dalle donne manager riunite a Davos, in Svizzera, per il consueto World Economic Forum, arriva una protesta incentrata su un tema decisamente caldo e anche attualmente al vaglio del Consiglio Europeo: le quote rosa.

=> Scopri il network delle donne manager

Stando ai dati resi noti dopo la chiusura del WEF 2013, infatti, la partecipazione femminile ha sfiorato la percentuale del 17%, una cifra minima se si tiene in considerazione che il meeting ha coinvolto complessivamente 2500 figure ai vertici, tra manager, capi di Governo e politici.

Una protesta che ha come sostenitrice lo stesso Cancelliere tedesco Angela Merkel, la quale ha ribadito l’irregolarità di questo Gap:

«Qui sono riuniti i leader di tutto il mondo, ma le donne sono rappresentate in modo minimo nelle posizioni di comando a livello internazionale.»

=> Leggi i dati sulle quote rosa ai vertici delle aziende italiane

In compenso, la parola “donna” sembra essersi collocata in cima alla classifica dei termini più pronunciati durante il Forum (437 volte, contro le 422 di “affari” e le 332 di “crescita”). A fornire cifre precise sulla presenza delle donne manager nei ruoli di comando in Europa è invece  il vice presidente della Commissione Europea, Viviane Reding, focalizzando l’attenzione sul fatto che la partecipazione femminile nei CdA europei ha subito un incremento raggiungendo quota 15,8%, ben lontana tuttavia dall’obiettivo del 40% entro il 2020.

«Le quote sono un male necessario. Senza di loro bisognerebbe aspettare il 2060 per arrivare a una parità di genere nei consigli di amministrazione europei».

Critiche dure sono arrivate anche dal presidente del Fondo Monetario Europeo Christine Lagarde:

«La partecipazione delle donne è di importanza cruciale e troppo spesso dimenticata dai politici che decidono. Nel mondo d’oggi non è più accettabile che le donne siano bloccate nel loro percorso. Le donne controllano il 70% della spesa dei consumi globali, così il messaggio è chiaro: se le donne migliorano, l’economia migliorerà».