Lavorare in Europa: stop alle discriminazioni

di Redazione PMI.it

scritto il

Dalla UE arrivano nuove regole per tutelare la libera circolazione dei lavoratori negli stati membri, dicendo no a qualsiasi discriminazione.

La Commissione UE ha stabilito nuove regole per agevolare la mobilità dei lavoratori in Europa, abbattendo le discriminazioni basate sulla nazionalità e favorendo la libera circolazione dei talenti.

=> Leggi perché i manager italiani sono in fuga all’estero

La nuova normativa, che dovrà essere approvata dal Parlamento europeo e dal Consiglio della UE, prevede l’attivazione in tutti i paesi europei di punti di contatto finalizzati a offrire assistenza e consulenza ai lavoratori che si spostano in Europa e che provengono da uno degli stati membri dell’Unione.

=> Scopri quanti manager stranieri ci sono in Italia

La proposta si basa anche sull’introduzione dell’obbligo, per le nazioni, di consentire il ricorso a sindacati e altre tipologie di organizzazioni da parte dei lavoratori immigrati che hanno subito trattamenti discriminatori, anche attraverso l’avvio di campagne informative a favore dei datori di lavoro.

=> Leggi come lavorare all’estero con la tessera professionale

«La mobilità del lavoro è una soluzione vincente per tutti, sia per gli Stati membri, che ne traggono beneficio, che per i lavoratori. Lavorare in un altro stato membro deve essere facile come lavorare nel proprio. »

=> Scopri come sarà il 2013 per i travel manager

Queste le parole di Lazslo Andor, commissario agli affari sociali, il quale ha ribadito l’impegno di Bruxelles nel contrastare qualunque tendenza xenofoba tutelando la libera circolazione dei lavoratori, e promuovendo la mobilità in ambito europeo (allo stato attuale ammonta solo al 3% la percentuale dei cittadini europei che lavora in un altro paese membro della UE).