Dirigenti corrotti, Italia sopra la media mondiale

di Redazione PMI.it

scritto il

Ernst&Young stila la classifica del livello di corruttibilità dei manager a livello mondiale: Italia peggio di Polonia e Turchia.

L’indice di corruttibilità dei manager italiani supera notevolmente la media mondiale, stando a quanto rilevato dall’indice internazionale di Ernst&Young pubblicato sul Die Welt. Citando le cifre precise, se l’indice mondiale si ferma al 57%, nella penisola si sale fino al 60%.

=> Scopri le nuove regole sugli incarichi ai dirigenti pubblici

Lo studio stila la classifica dei paesi sulla base del livello di lealtà della classe dirigente, collocando al primo posto la Svizzera dove solo il 10% dei manager sembra essere coinvolto in atti illeciti.

A seguire figurano Finlandia, Svezia, Norvegia e Olanda. Per quanto concerne l’Italia, lo studio di Ernst&Young colloca i dirigenti nostrani al quindicesimo posto, superati sia dai manager polacchi che “vantano” un indice di corruttibilità pari al 59%, inferiore di un punto rispetto a quello italiano, sia i turchi fermi al 55%.

L’indice francese, invece, è pari al 27% e con questa percentuale supera il 30% che caratterizza la Germania, dove – secondo la ricerca – ammonta al 34% la quota dei manager che sono soliti modificare i bilanci.

=> Scopri il nuovo codice comportamentale per i dirigenti pubblici

A fare peggio di tutti è invece la Slovenia, che si condente il primato con Kenia e Nigeria, Ucraina e Serbia.