Donne manager: l?importanza della stretta di mano

di Redazione PMI.it

scritto il

Le caratteristiche della stretta di mano perfetta, fondamentale per le donne in carriera che vogliono fare buona impressione al primo colpo.

Se il linguaggio del corpo riveste un ruolo fondamentale per fare carriera, essere credibili e mostrare di avere una personalità da vero leader, la stretta di mano è il primo gesto sul quale focalizzare l’attenzione per garantire maggiori chance di successo.

=> Scopri il percorso formativo per le donne manager

Per le donne manager alle prese con i primi incontri di lavoro è ancora più importante prestare attenzione alla stretta di mano: non solo è proprio la stretta di mano a garantire una prima impressione positiva, ma questo gesto non verbale riesce a creare una connessione istantanea tra due persone rendendole immediatamente più aperte e amichevoli.

Ma come deve essere la stretta di mano perfetta? Decisa, risoluta, sincera, ma non solo: ecco alcuni consigli rivolti al pubblico femminile.

1. La stretta di mano, per essere efficace, deve basarsi su alcune regole base: bisogna essere in piedi, tendere la mano per primi (far in modo di non avere alcun impedimento, come telefoni, cartelle o bevande) e guardare direttamente negli occhi l’altra persona.

2. Prima di stringere la mano assicurarsi che il proprio corpo sia speculare a quello del proprio interlocutore, offrendo il palmo della mano obliquamente (il palmo rivolto verso l’alto è indice di sottomissione, se invece è rivolto verso il basso indica superiorità). I palmi devono inoltre incontrarsi pienamente.

=> Leggi perché le donne manager sono indispensabili nei CdA

3. Le donne con una stretta di mano ferma e decisa danno un’immagine di sé molto positiva, infondendo fiducia nell’interlocutore: il segreto per una stretta di successo, inoltre, risiede nella durata della stessa, che non deve limitarsi a pochi istanti.

4. Un ultimo consiglio: assicurarsi di non rivolgere lo sguardo verso il basso quando si interrompe la stretta di mano, un gesto che potrebbe essere letto come desiderio di sottomissione.