Quote rosa nei CdA oltre la parità di genere

di Redazione PMI.it

scritto il

Potenziare la presenza rosa nei CdA delle aziende europee è una necessità economica: Viviane Reding a colloquio con Markus Klimmer di Accenture.

Si torna a parlare di quote rosa all’interno dei Consigli di Amministrazione delle società quotate, e a lanciare l’ennesimo messaggio rivolto alle grandi aziende europee è la vicepresidente della Commissione Europea Viviane Reding.

=> Leggi i dati sulla presenza rosa nei CdA delle aziende italiane

Il potenziamento della presenza femminile ai vertici delle aziende quotate rappresenta una necessità economica, e non è un concetto legato al mero femminismo. Lo ha affermato proprio la Reding ricordando come, oggi, la percentuale di donne nei CdA europei sia ferma al 16%.

L’intervento della Reding – che ha sottolineato come ben il 60% dei laureati sia di sesso femminile, con un conseguente spreco di talenti – ha avuto come sfondo l’incontro con Markus Klimmer, AD di Accenture.

Per la vicepresidente la situazione è destinata inevitabilmente a migliorare, considerando la crescita della presenza rosa nei CdA relativa agli ultimi 12 mesi soprattutto nei Paesi europei che hanno provveduto a legiferare in materia, come l’Italia.

Un’opinione che sembra essere condivisa anche da Klimmer, il quale focalizza l’attenzione sull’obiettivo comune delle aziende europee:

=> Scopri i dati delle donne manager partecipanti al WEF

«La competitività dell’Europa e della Germania dipendono dalla capacità di mobilitare tutti i talenti disponibili, perciò la partecipazione delle donne non è una questione di parità di genere, ma di solide politiche economiche.»