Frasi vietate a un bravo leader

di Teresa Barone

scritto il

Tre frasi che un bravo leader non dovrebbe mai pronunciare, pena la perdita di credibilità e di autorevolezza.

Se la capacità di ascolto è fondamentale per esercitare al meglio la propria leadership, in grado di favorire la conquista della fiducia e del rispetto dei collaboratori, anche il controllo e  la valutazione delle parole pronunciate è importante per gettare le basi di comunicazione efficace.

=> Leggi verità e false teorie sulla leadership

Esistono alcune frasi che, se pronunciate da un leader, possono compromettere la sua credibilità e limitare la capacità di ottenere consensi, portando a spiacevoli conseguenze.

Un leader non dovrebbe mai comunicare una decisione chiedendo al suo interlocutore di “Non prenderla sul personale”: una frase che potrebbe inviare un messaggio sbagliato, vale a dire il disinteresse del capo (e dell’azienda) nei confronti del singolo, del suo lavoro e della sua vita personale.

Mai mostrare il proprio disappunto con affermazioni del tipo: “Non farmi più brutte sorprese”: un’affermazione apparentemente innocua che, tuttavia, potrebbe ottenere un effetto sgradito spingendo l’interlocutore a non  comunicare più alcuna notizia, positiva o negativa che sia. Al bravo leader sono necessarie spalle larghe per sopportare anche le comunicazioni più spiacevoli.

=> Leggi il decalogo comportamentale del grande leader

Un ultimo consiglio riguarda la gestione di un colloquio di lavoro, durante il quale il potenziale nuovo capo del candidato non dovrebbe mai porre domande del tipo: “Se tu fossi un animale, che tipo di un animale saresti?”. Un quesito assolutamente inutile e del tutto inefficace al fine di recuperare informazioni utili sulla personalità del potenziale nuovo talento da assumere.