Giù i redditi dei professionisti

di Teresa Barone

scritto il

Il terzo rapporto Adepp mostra il calo dei redditi percepiti dai professionisti, soprattutto in ambito giuridico.

Tra il 2009 e il 2012 i liberi professionisti attivi nella penisola hanno perso il 3,2% del reddito medio: lo rivela il terzo rapporto stilato dall’Adepp (Associazione enti previdenziali privati), che mette in evidenza come la crisi abbia colpito le retribuzioni percepite dagli ingegneri, dai medici, dai commercialisti e dai professionisti dell’area giuridica.

=> Vai allo speciale sulle retribuzioni dei manager

Sono soprattutto i notai e gli avvocati a “sentire” il calo dei redditi percepiti, per i quali il taglio reale è pari al 21,2%. Il rapporto mette in evidenza, tuttavia, la crescita del numero degli iscritti agli enti di previdenza privati (tra il 2008 e il 2012 si è passati da 1.278.354 a 1.390.846 iscritti), sottolineando come l’incremento sia dovuto in prevalenza alle iscrizioni di professioniste donne e di over 40.

=> Scopri come funziona il nuovo Isee

Un dato che la stessa Associazione spiega prendendo in considerazione le conseguenze della crisi sull’occupazione e sulla carenza di opportunità di lavoro dipendente: «La mancanza di lavoro dipendente, o la perdita di esso, ha fatto sì che non solo i più giovani ma anche la categoria dei lavoratori più anziani intraprenda l’esercizio della libera professione come soluzione alternativa.»

=> Leggi i consigli per gestire il controllo sui conti correnti