Previsione occupazione

di Chiara Basciano

scritto il

Permane il segno meno per la situazione dei lavoratori italiani

Stabile la situazione occupazionale per il secondo trimestre del 2015, a livello generale permane però il segno negativo. Ad evidenziarlo è la ricerca condotta da ManpowerGroup che ha analizzato la situazione nel dettaglio.

=> Vai ai dati dell’ultimo trimestre 2014

Le prospettive occupazionali scendono di un solo punto  rispetto al trimestre precedente ma appaiono stabili rispetto allo stesso periodo nello scorso anno, con una previsione generale che si attesta a quota -6%.  L’83% dei datori di lavoro afferma che entro giugno la situazione delle assunzioni rimarrà invariata, mentre il 10% afferma che effettuerà dei licenziamenti. Solo il 6% prevede di effettuare delle nuove assunzioni.

=> Scopri le opportunità per gli over 55

I settori considerati in questo momento trainanti appaiono agricoltura, caccia, selvicoltura e pesca, con un 10% in più e, anche se con un timido +2%, elettricità, gas e acqua. Al contrario i settori più deboli sono costruzioni con ben il -27% e trasporti e comunicazioni, con -11%. In generale tendono ad assumere soprattutto le grandi aziende, quelle con più di 250 dipendenti, mentre le micro aziende, con meno di 10 dipendenti, sono più propense al licenziamento.

=> Vai ai settori con più richiesta

A livello globale i paesi con maggior possibilità di impiego sono Taiwan, con +45% e India, con +38%. Tra i 42 paesi intervistati l’Italia arriva ultima, con il suo -6%, preceduto dal Brasile, con -1% e dall’Austria, con +1%.