Dieci regole per la reputazione virtuale

di Chiara Basciano

scritto il

Come gestire i social network per rendersi interessanti ai recruiter e piacere ai clienti.

Chiunque abbia a che fare con una vita virtuale in termini di business deve stare attento ad utilizzare i social network, trattandosi di una vera e proprio arma a doppio taglio se gestita alla leggera.

=> Scopri l’e-reputation manager

Per questo arrivano i dieci consigli di Page Personnel dedicati al singolo individuo ma validi anche per le aziende. L’immagine scelta nel profilo è il vero e proprio biglietto da visita, per quanto riguarda il singolo utente sarà particolarmente importante scegliere una foto naturale e sobria, per le aziende è più facile, avendo a disposizione loghi o foto di prodotti specifici.

=> Vai ai pericoli della web reputation

Bisogna poi gestire le impostazioni sulla privacy ricordando che ogni cosa pubblicata rimane on-line, vale a dire scripta manent. Quindi bisogna scegliere contenuti mai esagerati e sempre in linea con il brand, in caso di aziende e con l’immagine che si vuole dare di sé per le singole persone. Il profilo deve dare molte informazioni, non lesinando su esperienze lavorative e risultati ottenuti.

=> Leggi perché curare la web reputation

Mai tralasciare le parole chiave, capaci di rendere visibili scegliendo quelle giuste. Il quinto consiglio è fondamentale: mai mentire. Con la circolazione delle informazioni si verrebbe subito scoperti, minando la fiducia degli internauti. Scegliere poi i post giusti a seconda del social network su cui si interagisce e mostrarsi attivi tramite discussioni pertinenti. Anche i link esterni aiutano a dare un’immagine più completa ed interessante. Bisogna poi curare la rete, non tralasciando una comunicazione attiva ed efficace e costruendosi un network attivo. Infine mai e poi mai diventare pressante come uno spam. Nessuno vuole essere subissato di informazioni impersonali e ripetitive.