Più donne ai vertici delle imprese lombarde

di Teresa Barone

scritto il

L?indagine promossa da Centro Studi di Confindustria Lombardia mostra un aumento della presenza rosa nelle aziende locali.

Dall’ultima indagine condotta dal Centro Studi di Confindustria Lombardia, “Il Lavoro in Lombardia – Rapporto 2015”, emergono dati confortanti per quanto riguarda la presenza femminile ai vertici delle aziende del territorio.

=> Dirigenti donne: retribuzioni in crescita

Il report, che segnala cifre in crescita per i programmi di welfare e una lieve contrazione nell’attivazione dei contratti a tempo indeterminato, indica un elevato tasso di femminizzazione commentato da Alberto Ribolla, presidente di Confindustria Lombardia:

«Come emerge dal nostro monitoraggio regionale – spiega – nel 2014 tra le nostre imprese è tornato un clima di fiducia e cauto ottimismo. Gli imprenditori lombardi sono da sempre molto attenti al contesto e alle novità. Questo lo dimostra lo stand-by dei contratti a tempo indeterminato in attesa delle riforme del governo, ma anche l’attenzione al welfare aziendale: in un periodo di crisi infatti emerge con forza il ruolo sociale ricoperto dalle nostre imprese che, invece di tagliare, hanno deciso di incrementare i programmi di welfare aziendale. Anche l’aumento della presenza delle donne in ruoli decisionali e più in generale in azienda è sinonimo di maturità imprenditoriale.»

Lo studio, effettuato in collaborazione con l’Università Cattaneo – LIUC e condotto su un campione di 1.430 aziende lombarde, conferma un incremento delle donne che occupano  ruoli professionali apicali o semi-apicali (quindi quadri e dirigenti), che in Lombardia hanno raggiunto quota  12.1% sul totale dei dipendenti.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari