Bilanciare vita e lavoro

di Chiara Basciano

scritto il

Coinvolgere la famiglia nella propria organizzazione per creare un progetto di vita comune.

La separazione tra vita privata e vita lavorativa è un bene. I due ambiti hanno difficoltà a convivere, eppure mantenere il giusto equilibrio significa avere ben in mente il tempo da dedicare ad entrambe.

=> Vai a manager e tempo libero

La tendenza a venire sopraffatti dagli impegni lavorativi è prassi comune per i manager, ma a lungo andare ciò crea stress e insoddisfazione. Per riuscire a rimanere equilibrati allora le due vite si devono fondere, almeno su carta. Questo significa avere una programmazione settimanale o mensile di tutti gli impegni, sia lavorativi che privati, sulla stessa agenda. Così facendo si avrà una visione chiara del tempo dedicato alle diverse attività e si potrà constatare se si sta agendo nel modo giusto.

=> Scopri come gestire il tempo

Coinvolgere i membri della propria famiglia nell’organizzazione significa andare oltre inutili incomprensioni, rendendo tutti partecipi dei propri impegni. Parlare in maniera confusa del lavoro infatti lascia una sensazione fumosa e non fa comprendere i propri reali impegni. Condividere gli appuntamenti e far conoscere le persone con cui si lavora significa permettere a chi ci circonda di capire la nostra vita lavorativa e di supportarci nei momenti più complicati.

=> Leggi come gestire un tempo comune

Questo non significa gravare la famiglia di responsabilità, ma avere un progetto comune, in cui il lavoro diventa uno dei tanti tasselli della propria vita ma non quello attorno a cui ruota tutto.