Mamme e lavoratrici

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Mamme sul lavoro, ecco tutti i diriti.

Oltre il lavoro esistono moltissimi altri eventi che completano la vita delle persone, per le donne uno di questi potrebbe essere la gravidanza.

Mamma e manager di successo? Ecco come

Per conciliare entrambi i percorsi, lavoro e gravidanza, si devono conoscere tutte le tutele esistenti soprattutto per capire come possono e non possono comportarsi le aziende. In primis per le mamme è previsto il congedo di maternità due mesi prima e tre mesi dopo il parto. Queste tempistiche possono variare a richiesta della lavoratrice da 1 mese prima a 4 mesi dopo il parto. Inoltre non possono essere incaricate a fare lavori pericolosi, faticosi e non salutari. Per quanto riguarda gli orari di lavoro, un datore di lavora ha il divieto di far lavorare una lavoratrice in gravidanza dalle 24 alle ore 6. Infine non sono obbligate a lavorare in orari notturni le lavoratrici madri di un figlio di età inferiore a tre anni e le lavoratrici che siano l’unico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a dodici anni.

Fonte: Shutterstock

I Video di PMI

Guida ISEE: compilazione DSU