Tratto dallo speciale:

Legge di Stabilità 2015: modifiche e voto di fiducia

di Barbara Weisz

scritto il

Voto di fiducia alla Camera sulla Legge di Stabilità 2015: le novità su pensioni, bonus bebè, voucher figli, Anagrafe Tributaria, Ecobonus, buoni pasto, debiti PA, Made in Italy, canone RAI.

Pensioni d’oro dal 2015, bonus bebè per redditi ISEE sotto 25mila euro, deducibilità buoni pasto, risorse per il Made in Italy, mentre si rimanda per inserire in bolletta elettrica il  Canone RAI: sono alcune delle modifiche alla Legge di Stabilità 2015 approvate in commissione Bilancio alla Camera; ora il testo è in aula dove il Governo annuncia il voto di fiducia, per l’approvazione entro il fine settimana. Poi, la manovra passerà al Senato, che prevedibilmente affronterà Riforma del Regime dei Minimi, Local Tax comprensiva delle attuali IMU e TASI, tagli IRAP per le imprese, Fondi Pensione. Vediamo una breve panoramica delle principali novità.

=> Leggi tutto sulla Legge di Stabilità 2015

Pensioni

Un emendamento del Governo prevede un tetto alle pensioni d’oro degli alti funzionari di Stato (dirigenti, ma anche docenti universitari, magistrati): l’assegno previdenziale anche se conteggiato con il sistema contributivo non può superare la pensione che sarebbe spettata con il retributivo. In pratica, si corregge una falla contenuta nella Riforma delle Pensioni Fornero di fine 2011, in basa alla quale alcune categorie di alti funzionari pubblici possono restare al lavoro oltre il limite di anzianità, maturando di fatto una pensione superiore all’ultimo stipendio. Attenzione: il nuovo tetto si applica dal 1 gennaio 2015, anche ai trattamenti già liquidati (mentre c’era una precedente versione dell’emendamento che prevedeva il tetto solo per le pensioni maturate dal 2015).

C’è anche un altro emendamento, in base al quale chi invece va in pensione prima dei 62 anni, ma avendo maturato il requisito contributivo pieno, non avrà la decurtazione dell’assegno prevista per il pensionamento anticipato.

Bonus figli

L’assegno di 960 euro annui spetta per ogni figlio nato o adottato fra il 2015 e il 2017  (bonus bebè) solo se il nucleo familiare è sotto i 25mila euro di ISEE (e non più fino a 90mila euro di reddito IRPEF), e raddoppia se il reddito è sotto i 7mila euro. Il trattamento è riconosciuto per tre anni. C’è anche un buono acquisto pari a mille euro all’anno per le mamme con almeno 4 figli e reddito ISEE inferiore a 8.500 euro, per prodotti e servizi per i figli. Infine, stanziati 100 milioni di euro per il piano di sviluppo degli asili.

=> Bonus bebè 2015, le nuove regole di reddito

Buoni pasto

Sale a 7 euro, (dagli attuali 5,29), la deducibilità per i buoni pasto in formato elettronico.

Ecobonus

La proroga a tutto il 2015 della detrazione per le ristrutturazioni finalizzate all’efficienza energetica (Ecobonus), vale anche per gli interventi di antisismici.

Anagrafe Tributaria

L’Agenzia delle Entrate potrà utilizzare le banche dati dell’Anagrafe Tributaria (che, lo ricordiamo, contengono ad esempio tutte le comunicazioni su conto corrente, investimenti e via dicendo), non più solo per selezionare i contribuenti a maggior rischio, ma per tutte le analisi anti-evasione fiscale.

Altre modifiche

  • Made in Italy: nuovi finanziamenti pari a 130 milioni nel 2015, 50 mln nel 2016 e 40 mln nel 2017.
  • Debiti PA: proroga di un anno alla possibilità di compensazione dei debiti fiscali con i crediti nei confronti della pubblica amministrazione di imprese e professionisti.
  • Finanziamento ai partiti: i parlamentari che versano una parte del proprio stipendio al partito possono portarla in detrazione come erogazione liberale.

E ancora: riduzione del numero dei patronati (ma contestuale riduzione dei tagli, a 75 milioni e non più 150), 200 milioni per gli ammortizzatori sociali 2015, flessibilità per le assunzioni di EXPO 2015, razionalizzazione delle società partecipate, fondi per la lotta a Ebola, per la tutela del patrimonio culturale, per le calamità naturali.

=> Confronta con il testo originario del DDl Stabilità

Iter Legge di Stabilità 2015

Il Governo ha annunciato il voto di fiducia: il calendario della Camera prevede che la discussione riprenda venerdì 28 novembre, l’approvazione è attesa entro il fine settimana. La Legge di Stabilità 2015 andrà quindi in seconda lettura al Senato, dove si prevede che verranno affrontati una serie di nodi ancora aperti: le modifiche al Regime dei Minimi , recependo ad esempio le richieste dei professionisti per l’innalzamento del tetto di reddito, i tagli e le agevolazioni fiscali per le imprese, la nuova Local Tax, ovvero la riforma delle tasse sugli immobili che dovrebbe accorpare TASI, IMU, e tutte le imposte comunali.