SCIA telematica per le imprese dal primo aprile

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

SCIA esclusivamente online per le imprese dal primo aprile: in Lombardia già pronta la nuova modulistica per la gestione telematica delle pratiche.

SCIA telematica per la semplificazione della burocrazia a carico delle imprese: introdotta su scala nazionale nel 2000, la Segnalazione Certificata di Inizio Attività si dovrà trasmettere esclusivamente online dal 1° aprile. Per le aziende della Regione Lombardia è stata già aggiornata la procedura, attraverso un update di tutta la modulistica che i Comuni del territorio dovranno utilizzare.

A partire dal 29 marzo, dunque, le pratiche sui provvedimenti soggetti a SCIA saranno gestite elettronicamente per mezzo dello Sportello Unico Attività Produttive (SUAP).

Devono inviare la comunicazione le imprese attive nei diversi settori(artigianato, commercio, servizi, edilizia, agricoltura e così via) in riferimento alle attività imprenditoriali, sia in fase di costituzione che di modifica. Per le aziende che invece devono procedere attraverso un iter autorizzativo da parte di terzi (dunque quando la SCIA non basta), l’automatizzazione scatterà il primo ottobre prossimo.

Entro il 31 marzo, i Comuni dovranno accreditarsi nella lista degli Sportelli SUAP e dal giorno successivo potranno ricevere la SCIA esclusivamente per via telematica. In mancanza di accreditamento, il ruolo degli sportelli verrà assunto provvisoriamente dalle Camere di commercio.

Le novità sulla Segnalazione Certificata di Inizio Attività sono state annunciate dall’assessore regionale Semplificazione e Digitalizzazione Carlo Maccari: «questa azione di chiarimento segna una tappa fondamentale di un lungo lavoro che i nostri uffici hanno svolto in vista dell’applicazione della SCIA telematica».

Ricordiamo che la SCIA ha sostituito a livello nazionale la DIAP (Dichiarazione di Inizio Attività Produttive), con un modello di dichiarazione molto simile a quello che la Regione Lombardia aveva già introdotto nel 2007. Al momento, in Lombardia si sono accreditati per garantire il servizio telematico sulla SCIA circa 300 Comuni, responsabili della gestione di metà Regione. La rimanente metà è a carico di molti piccoli centri e alcuni capoluoghi di provincia, che dovranno provvedere a breve a mettersi in regola.

________________________

ARTICOLI CORRELATI


________________________