Banca dati degli appalti pubblici da gennaio 2013

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Pronta la banca dati nazionale degli appalti pubblici, l'Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici ha presentato la bozza di delibera: ecco cosa cambierà dal 2013.

Partirà il 1° gennaio 2013 la banca dati degli appalti pubblici, istituita per effetto del Decreto Semplificazioni 2012: con il nuovo anno parte dunque la sperimentazione, che avverrà su base volontaria per determinate tipologie di appalti.

=> Leggi la normativa 2013 per bandi e appalti

In sostanza, in caso di appalti di importo uguale o maggiore di 1 milione di euro, per stazioni appaltanti ed enti aggiudicatori scatterà l’obbligo di consultare la banca dati nazionale per verificare la sussistenza dei requisiti da parte dell’impresa richiedente.

L’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici ha infatti preparato una bozza di delibera in base alla quale l’entrata in vigore della nuova disposizione avverrà a scaglioni in base agli importi a base d’asta.

Entrata in vigore

La nuova procedura diventerà obbligatoria da aprile 2013 per le gare di appalto di importo maggiore o uguale al milione di euro.

Contemporaneamente, il sistema verrà adottato in modalità opzionale per gli appalti di valore compreso tra 150mila euro e un milione.

L’obbligo in quest’ultimo caso scatterà da luglio 2013, quando scatterà l’opzione per le procedure tra 40mila e 150 mila euro.

Per queste e anche per le gare di importo pari o superiore ai 40mila euro l’obbligo di consultare il possesso dei requisiti tramite la banca dati nazionale scatterà dal primo ottobre 2013.

=> Consulta la normativa aggiornata sugli appalti

La banca dati nazionale degli appalti pubblici si avvarrà del sistema telematico AVCPASS al quale gli operatori economici potranno registrarsi e aggiornare la documentazione amministrativa richiesta così da fornire ogni informazione di tipo tecnico-organizzativo ed economico-finanziario utile per valutare la propria posizione.

Una volta individuata la gara di appalto alla quale partecipare ed effettuata la registrazione l’operatore economico riceve dal sistema un codice PASSOE da inserire nella busta contenente la documentazione amministrativa, compreso il DURC.

=> Leggi: DURC e appalti, saltano le agevolazioni nel DL Sviluppo

La bozza di delibera ora dovrà ricevere l’ok del Garante per la protezione dei dati personali.

I Video di PMI

Rating di Legalità per PMI