Decreto Sviluppo 2012: le novità punto per punto

di Barbara Weisz

scritto il

Srl semplificate estese agli over 35, nuovi strumenti finanziari per PMI, finanza di progetto, bonus ristrutturazioni edilizie al 50%, bonus energetico al 50%, sospensione SISTRI, Agenzia per l'Italia digitale: ecco il Decreto Sviluppo approvato in CdM.

Decreto Sviluppo approvato: il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera all’atteso Dl, stralciando alcune misure (come il credito d’imposta sull’innovazione) e confermando: fondo per la crescita, incentivi per assunzioni di personale qualificato, Srl semplificate per tutti, agevolazioni per ristrutturazioni in edilizia al 50%  fino al 30 giugno 2013, bonus energetico al 50%, proroga SISTRI a giugno 2013.

Fra le novità del Decreto in 61 articoli, l’Agenzia per l’Italia digitale e un fondo per i poveri.

Misure per la crescita sostenibile

Il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, ha spiegato che si tratta di un provvedimento che mobilita risorse per 80 miliardi di euro di cui 40-45 miliardi da project bond e misure per le PMI.  Ogni mese ci sarà un tassello da aggiungere al «mosaico crescita», che dunque è destinato a diventare più corposo. Vediamo le principali misure.

Crescita

Come previsto, il Fondo per la crescita sostenibile prevede un riordino degli incentivi per le imprese con l’abrogazione di 43 forme di agevolazioni preesistenti. Sono stati recuperati, ha precisato Passera, circa 2 miliardi per il Fondo per la crescita sostenibile.

Assunzioni

Il bonus sulle assunzioni di professionisti, come da anticipazioni degli ultimi giorni, è un credito d’imposta del 35%, con limite massimo di 200 mila euro (nella bozza l’incentivo era maggiore e il tetto anche).

Ci sono poi altre agevolazioni sulle assunzioni che riguardano le aziende della green economy, e in particolari i contratti a tempo indeterminato per  giovani under 35 e i neolaureati con meno di 28 anni.

Edilizia

Confermato l’innalzamento dell’incentivo per le ristrutturazioni edilizie al 50%, dal precedente 36% con un rialzo anche del tetto di spesa a 96mila euro. L’incentivo è però valido solo fino al 30 giugno 2013.

Scende però al 50%, dal precedente 55%, la detrazione per la riqualificazione energetica, e anch’essa è prorogata solo fino al 30 giugno 2013.

Quanto all’IMU, anche qui come previsto sono esenti per tre anni gli immobili di nuova costruzione.

S.r.l. semplificate

Per le Ssrl (srl semplificate) c’è la tanto agognata estensione per tutti, quindi anche a chi ha più di 35 anni, della possibilità di aprile le S.r.l. semplificate, con capitale sociale di un euro.

Strumenti finanziari

Confermati i nuovi strumenti finanziari a favore delle PMI, come i mini bond, che permettono l’accesso al mercato dei capitali anche da parte delle imprese non quotate.

Giustizia

Fra le altre misure di interesse per le imprese, la velocizzazione dei processi civili. E anche il ricorso al concordato preventivo per le aziende in crisi che hanno prospettive di ripresa (non più obbligate al fallimento). Il concordato preventivo prevede la possibilità di proseguire l’attività (e di mantenere i contratti con la pubblica amministrazione.

Innovazione

Sul fronte delle misure per l’innovazione, si segnala la nascita dell’Agenzia per l’Italia digitale, con la soppressione di DigitPA e dell’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione.