Domicilio temporaneo, durata e rinnovo

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Gabriella chiede

Dopo un anno di domicilio temporaneo per assistenza a genitore portatore di handicap grave (legge 151), è obbligatorio cambiare residenza o si può rinnovare il domicilio, magari rientrando in servizio, anche per pochi giorni?

Barbara Weisz risponde

In generale, non ci sono limiti temporali al domicilio temporaneo, che si può autocertificare senza bisogno di registrazioni specifiche all’Anagrafe. Diverso è il caso della residenza temporanea, che invece dura un anno, perché con questa periodicità i Comuni rivedono lo schedario della popolazione temporanea.

=> Residenza e domicilio: differenze e significato

Se il motivo per il quale ha bisogno della certificazione è il riconoscimento di un congedo o di una prestazione INPS (ad esempio in veste di caregiver), certamente deve rifare la pratica che ha già fatto lo scorso anno. Se come lei scrive si tratta di un domicilio temporaneo, basta produrre un’autocertificazione (molto Comuni hanno sul sito uno specifico modulo, che può scaricare).

=> Come ottenere la residenza da ospite

Se invece si tratta di un residenza temporanea, deve andare al Comune. In questo caso è vero che si potrebbe essere la necessità di spostare definitivamente la residenza, ma non mi pare ci siano automatismi. Il Comune dovrebbe poter valutare, in base a situazioni specifiche, il prolungamento della residenza temporanea.