Imposte di successione: guida alla rateazione

di Alessandra Caparello

scritto il

Focus sulle novità per la dilazione delle imposte di successione introdotte con la riforma della riscossione.

La riforma della riscossione introdotta dal dlgs 159/2015, in vigore dal 22 ottobre, ha introdotto cambiamenti in tema di rateazione delle imposte di successione imponendo nuovi obblighi e divieti. La disciplina previgente concedeva l’opzione a patto che fosse stato versato almeno il 20%, sanzioni e interessi di mora entro 60 giorni dalla notifica dell’avviso di liquidazione e che venisse presentata garanzia mediante ipoteca, cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato al valore di Borsa, fideiussione o polizza fideiussoria rilasciata da un’impresa di assicurazioni autorizzata. L’importo rimanente doveva essere versato in rate annuali posticipate.

=> Riforma riscossione: le novità

Rateazione post-riforma

Il D.lgs, n. 159/2015 prevede ora:

  • obbligo versamento di almeno il 20% dell’imposta liquidata;
  • possibilità di dilazionare il debito residuo in 8 rate trimestrali per importi superiori a 20mila euro o fino a 12 rate per importi superiori (le rate scadono l’ultimo giorno di ciascun trimestre);
  • divieto di rateazione per debiti sotto i 1.000 euro.

Alla rateazione si applicano anche gli interessi che vengono calcolati dal primo giorno successivo al pagamento di almeno il 20% dell’imposta dovuta.

=> Equitalia e accertamento esecutivo: nuovi termini di riscossione

Lieve inadempimento

Si decade dalla rateazione in caso di mancato pagamento del 20% dell’imposta liquidata entro 60 giorni o di mancato versamento di una delle rate entro il termine di quella successiva. La decadenza, che comporta l’iscrizione a ruolo dell’importo dovuto con sanzioni e interessi, si può evitare in caso di:

  • insufficiente versamento della rata per una frazione non superiore al 3% e in ogni caso a 10mila euro;
  • tardivo versamento della somma dovuta ( pari al 20%) non superiore a 5 giorni.

I Video di PMI