Elezioni, il Garante detta le regole

di Marianna Di Iorio

scritto il

In vista delle prossime elezioni, il Garante della Privacy è intervenuto esprimendo regole chiare sull'uso dei dati personali dei cittadini a scopi propagandistici

Il Garante della Privacy detta le regole in vista delle prossime elezioni. In particolare, delinea le modalità di utilizzo dei dati personali dei cittadini da parte di candidati e partiti.

In sostanza, nel caso si renda necessario l’invio di materiale propagandistico, i candidati e tutte le figure coinvolte possono utilizzare senza il consenso dei cittadini i dati presenti nelle liste elettorali, di proprietà dei Comuni.

È richiesto, invece, il consenso nel caso in cui la comunicazione avvenga tramite sms, email, mms, fax o telefonata registrata in precedenza. La medesima regola vale anche per la raccolta di dati provenienti da Internet o da forum. Non è necessario il consenso nel caso in cui il cittadino abbia rilasciato il permesso ad utilizzare i suoi dati.

I dati che non possono essere assolutamente utilizzati sono quelli ricavabili dagli archivi dello stato civile, dall’anagrafe dei residenti o dagli indirizzi usati per svolgere attività istituzionali.

In ogni caso, il cittadino deve essere informato in merito all’uso che si fa dei suoi dati. Il tutto, naturalmente, a garanzia e tutela dei diritti dei cittadini stessi.

I Video di PMI

ISEE, i modelli caso per caso