Proroga TARES: si paga tra dicembre e gennaio

di Noemi Ricci

scritto il

TARES: scadenze e proroghe nei diversi Comuni italiani, in attesa che vengano inviati i bollettini.

Si avvicina il pagamento della TARES, la scadenza per il versamento dell’ultima rata della tassa sui rifiuti e servizi indivisibili è stato fissato dal Ministero al 16 dicembre 2013, per quanto riguarda il versamento sia della tassa che della maggiore standard di 30 centesimi per ogni metro quadrato di superficie soggetta al tributo.

Pagamento

Il pagamento della TARES può avvenire con modello F24 o il bollettino postale precompilato inviato dal Comune, effettuando il versamento presso una banca o alla posta. Va però sottolineato che la conferma ufficiale della data del 16 dicembre è arrivata solo negli ultimi giorni, lasciando ai Comuni pochissimo tempo per inviare ai contribuenti il modello F24 o il bollettino postale precompilato per il pagamento.

Roma

Fa eccezione il Comune di Roma il cui Dipartimento delle Entrate si è reso conto che dati i tempi limitati non riuscirà ad inviare le lettere con i bollettini precompilati entro fine anno, quindi ha deciso di concedere ai contribuenti tempo fino al 31 gennaio 2014 per pagare. La giunta Marino, da disposizioni del Governo, aveva firmato una delibera che indicava la data del 16 dicembre, ma per diventare operativo il provvedimento è necessario che venga approvato il Bilancio. Purtroppo però non ci sono i tempi per riuscire a fare tutto entro il 16 dicembre, così si è diffusa la notizia di una proroga a gennaio.

Milano

In alcune città, come Milano, sono attivi dei servizi di assistenza gratuita per cittadini ed imprese avviati grazie ad apposite convenzioni siglate tra le Associazioni di categoria (Assolombarda, dell’Unione Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, e dell’Unione del Commercio, del Turismo, dei Servizi e delle Professioni della Provincia di Milano) ed i CAF. Per quanto riguarda le dichiarazioni di variazioni e cessazioni di occupazione delle sole utenze domestiche a Milano per presentarle c’è tempo fino al 20 gennaio 2014. Per quanto riguarda le imprese, invece, queste potranno presentare le variazioni facendo ricorso a sistemi come la firma digitale.

Napoli

A Napoli viene spostato al 20 gennaio il termine per la presentazione delle richieste per le agevolazioni sulla TARES mentre le scadenze per il pagamento delle ultime tre rate viene posticipato di un mese: da dicembre, febbraio e aprile al 31 gennaio 2014 per la prima rata, al 31 marzo 2014 per la terza rata e al 31 maggio 2014 per la quarta ed ultima rata. A siglare questo accordo è stata l’Amministrazione comunale di Napoli con i sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Per semplificare il pagamento da parte dei contribuenti, inoltre, il Comune partenopeo istituirà una mail dedicata alla richiesta di bollettini nei casi in cui non siano stati consegnati o che presentino errori ed omissioni. Verranno inoltre attivati sportelli dedicati per dare le informazioni sulla TARES, sulle modalità di pagamento, di accesso alle riduzioni previste e sugli altri adempimenti relativi al tributo.