CUD 2010, novità in vista della scadenza

di Noemi Ricci

scritto il

Si avvicina la scadenza per la presentazione dei modelli CUD 2010. Tra le novità, i campi dedicati agli eventi eccezionali dell'Aquila e l'obbligo di indicare i dati di tutti i familiari per i quali si è goduto di detrazioni

Entro il primo marzo 2010 i datori di lavoro dovranno procedere alla compilazione dei modelli CUD 2010, con la certificazione dei redditi corrisposti ai lavoratori e ai soggetti fiscalmente equiparati durante il periodo di imposta 2009. Tra le novità di quest’anno, oltre all’attenzione per gli eventi eccezionali dell’Aquila, il debutto dei dati di tutti i familiari per i quali il lavoratore ha goduto di detrazioni.

Diventa dunque obbligatorio indicare i dati dei familiari per cui si è goduto di detrazioni fiscali nel periodo di imposta, e farlo in maniera analitica nelle annotazioni utilizzando il codice “BO”.

Il modello, approvato con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2010, è disponibile online, con le istruzioni per la compilazione, sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Il nuovo punto 38 serve a indicare in via autonoma l’eventuale “Credito per famiglie numerose recuperato“, mentre punto 41 serve a indicare il “Credito per canoni di locazioni recuperato”.

Agli “Eventi eccezionali” dell’Aquila è dedicato il punto 11 parte A, mentre il codice 3 va utilizzato da chi risiedeva alla data del 6 aprile 2009 nel territorio della provincia dell’Aquila, per i quali sono stati sospesi gli adempimenti e i versamenti tributari a seguito del terremoto.

Infine, tra le novità, troviamo l’indicazione dell’esposizione dei dati relativi al trattamento di fine rapporto, che va effettuata analiticamente utilizzando i campi 132 e 133 inserendo l’importo del TFR rimasto in azienda rispettivamente fino al 31-12-2000 e dal 2001 al 31-12-2009 e gli importi confluiti alla previdenza complementare nei campi 134, 135 e 136.

La certificazione da consegnare in duplice copia vale anche per i dati previdenziali INPS, INPDAP e IPOST.

I Video di PMI

Sanzioni per omessa Certificazione Unica