Erario: entrate da F24 in aumento

di Noemi Ricci

scritto il

Entrate tributarie erariali versate con il modello di delega F24 in aumento: tutti i dati del Ministero dell'Economia.

Aumentano le entrate tributarie erariali versate con il modello di delega F24: nei primi undici mesi dell’anno si è registrato un +3,6% rispetto allo stesso periodo del 2015, per un totale di 11.517 milioni di euro milioni di euro di maggiore gettito, stando ai dati diffusi dal Ministero dell’Economia, nel bollettino delle entrate tributarie mensile in cui sono analizzati i flussi relativi al gettito di competenza e di cassa.

=> Tasse locali: tutti gli aumenti

Sul sito del Ministero si legge che al fine di rendere confrontabili i dati con quelli dell’analogo periodo del 2015 si deve tener conto:

  • degli effetti derivanti dal meccanismo introdotto con il D.Lgs 175/2014 che ha comportato l’incremento delle ritenute da lavoro dipendente e delle corrispondenti compensazioni operate dai sostituti d’imposta (1.788 milioni di euro);
  • degli effetti derivanti dal riconoscimento del bonus di 80 euro in busta paga sui minori versamenti effettuati dai sostituti d’imposta sulle ritenute dei redditi di lavoro dipendente EP, circa 1.398 e 928 milioni di euro rispettivamente per il 2015 e per il 2016.

In generale l’andamento delle entrate erariali da F24 nel periodo gennaio-novembre 2016 è legato:

  • all’andamento del gettito dell’IRPEF sulle ritenute da lavoro dipendente;
  • all’IRPEF da autotassazione;
  • all’IRES da autotassazione;
  • al gettito dell’IVA scambi interni;
  • all’andamento del gettito derivante da scommesse e giochi (+1.252 milioni di euro, paria a +30%) per gli effetti derivanti dall’applicazione dell’art.1 (commi 918-919) della legge di stabilità per il 2016, che ha previsto l’aumento dell’aliquota sul prelievo erariale unico (PREU) relativo alle newslot (dal 13 al 15%) e video lottery terminal – VLT (dal 5 al 5,5%);
  • al gettito derivate dall’imposta di consumo sul gas metano (+525 milioni di euro, pari a 18,5%).

Il gettito delle ritenute IRPEF da lavoro dipendente, fa registrare un aumento di 840 milioni di euro. I versamenti in autotassazione sono aumentati sia per quanto concerne l’IRPEF (+753 milioni di euro pari a +6,1%), che per quanto riguarda l’IRES (+1.821 milioni di euro pari a +9,8%).

=> Tasse sul lavoro UE: classifica OCSE

Le entrate IVA sono aumentate di 5.073 milioni di euro sugli scambi interni derivante anche dall’applicazione del meccanismo dello “split payment” (+3.310 milioni di euro), che ha preso il via a regime ad aprile del 2015.

Calano invece le entrate locali (-5.141 milioni di euro pari a -10,8%) per via:

  • dell’abolizione della TASI per l’abitazione principale e delle agevolazioni IMU per i terreni agricoli;
  • della diminuzione del gettito dell’IRAP in applicazione delle disposizioni per la riduzione del cuneo fiscale di cui alla Legge di stabilità 2015.

Le entrate complessive (erariali e locali) al netto delle compensazioni d’imposta fruite dai contribuenti crescono comunque di 5.768 milioni di euro (+1,7%) rispetto all’analogo periodo del 2015.

Andamento delle entrate versate con modello F24

.