TASI: Modello di Dichiarazione unificato

di Redazione PMI.it

scritto il

Il MEF chiarisce se i Comuni possono o meno definire un modello proprio di dichiarazione TASI.

Con la Risoluzione n. 3/DF/2015 il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fornito chiarimenti relativi al modello di dichiarazione sul tributo per i servizi indivisibili (TASI), in risposta ai quesiti che segnalavano la presenza di modelli diversificati dei vari Comuni italiani.

=> TASI 2015: calcolo, novità e istruzioni

Il modello di dichiarazione TASI, imposta a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, è stato invece unificato a livello nazionale. Una scelta diversa, sottolinea il MEF:

“Avrebbe costretto i contribuenti soprattutto i proprietari di immobili dislocati in più Comuni, a doversi informare presso ciascun Comune circa l’adozione di eventuali modelli di dichiarazione e, in caso positivo, ad adattare le proprie procedure in relazione alle varie modalità di compilazione richieste nei diversi modelli”.

=> TASI 2015: acconto da calcolare, niente bollettino

Senza considerare che:

“In tal modo risultava impossibile predisporre una procedura e un software unici per assolvere gli obblighi dichiarativi”.

In conclusione, il modello di dichiarazione TASI è valevole per l’intero territorio nazionale ed è quello approvato con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze. (Fonte: Risoluzione n. 3/DF/2015 del MEF).