Tratto dallo speciale:

Pagamenti dalla PA: ancora ritardi

di Noemi Ricci

scritto il

Oltre la metà (62%) delle PA continua a pagare in ritardo e i crediti delle imprese fornitrici salgono, anche se si registrano lievi miglioramenti: l'analisi “Market Watch PA” presentata a Forum PA 2018.

Nonostante la situazione risulti leggermente migliorata, la Pubblica Amministrazione continua ad essere una grande debitrice nei confronti della imprese, con ritardi importanti, anche se i tempi di pagamento risultano meno lunghi rispetto al 2016.

Market Watch PA

A rivelarlo sono i dati elaborati dall’ufficio studi di Banca IFIS, riassunti nell’analisi “Market Watch PA” e presentati in occasione del Forum PA 2018: nel 2017 l’ammontare complessivo stimato dei debiti commerciali era di circa 31 miliardi di euro, pari al -6% rispetto al 2016, con il 62% degli enti pubblici che paga in ritardo.

Il ritardo registrato di fornitori della PA è di 30 giorni in più rispetto alla media del settore di appartenenza. Un ritardo non di poco conto, che dà luogo ad una importante crisi di liquidità per le imprese, soprattutto di piccole dimensioni.

In particolare l’analisi “Market Watch PA” ha rivelato che:

  • 29-57 sono i giorni medi di ritardo accumulati dagli enti pubblici nel 2017;
  • 543 e 310 giorni sono i picchi nei giorni di ritardo registrati nel 2017 da Province e Comuni (enti in “maglia nera” per ritardo nei pagamenti);
  • 500 sono le imprese in media che ogni mese fanno domanda di certificazione dei crediti commerciali verso la PA nella Piattaforma Crediti Certificati del MEF;
  • oltre 32mila le imprese che dal 2012 hanno fatto domanda di certificazione, corrispondente a 161mila domande per un controvalore di 16 miliardi di euro;
  • 1 milione il numero dei fornitori della PA che nel 2017 ha emesso almeno una fattura elettronica nei confronti degli enti pubblici;
  • 3,4 milioni è il numero di imprese che nel 2019 utilizzeranno la fatturazione elettronica (obbligatoria dal 1° gennaio 2019 per tutte le transazioni B2B).

Fintech contro il ritardo nei pagamenti dalla PA

Alcuni istituti di credito hanno lanciato piattaforme fintech che consentono di far fronte ai ritardi nei pagamenti da parte della PA: l’impresa che possiede i crediti certificati può effettuare con pochi click il preventivo online basato sul credito che detiene nei confronti degli enti pubblici e sulla reale fattibilità del finanziamento. Entro 48 ore viene completata la valutazione della richiesta e, una volta ottenuto il via libera da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, la banca eroga il credito richiesto.