Guida allo Spesometro

di Roberto Grementieri

scritto il

Vediamo assieme una rapida sintesi delle novità  introdotte dal sistema di controllo fiscale meglio noto come Spesometro.

Oggetto della comunicazione

Devono essere comunicate: tutte le operazioni rilevanti ai fini IVA e le operazioni imponibili; le operazioni non imponibili, se si tratta di cessioni all'esportazione; le operazioni assimilate; i servizi internazionali e le operazioni esenti. Rientrano inoltre nell'obbligo comunicativo le operazioni soggette al regime del margine e al regime del reverse charge.

Soggetti obbligati

Nonostante l'art. 21, d.l. 78/2010 non prevedano ipotesi di esclusioni soggettive, di modo che l'obbligo in questione è fissato in capo a tutti i soggetti passivi ai fini dell'Iva, sono comunque da ritenersi esonerati i contribuenti minimi, nell'ottica della semplificazione degli adempimenti cui mira tale particolare regime.

Operazioni escluse

Nella comunicazione non vanno inserite le informazioni relative alle importazioni; alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate e ricevute, registrate o soggette a registrazione nei confronti di operatori aventi sede, residenza o domicilio in Paesi black list; alle operazioni già  oggetto di comunicazione all'Anagrafe tributaria; alle operazioni nei confronti di contribuenti non soggetti passivi Iva, nel caso in cui il pagamento del corrispettivo sia avvenuto tramite carte di credito, di debito o prepagate, sempre che queste non siano emesse da operatori finanziari non residenti e senza stabile organizzazione in Italia.

Soglie di valore

Solo per l'anno di imposta 2010, l'importo delle operazioni da comunicare è elevato ad € 25.000; la comunicazione è limitata alle sole operazioni soggette all'obbligo di fatturazione e può essere effettuata entro il 31.10.2011.

Per quanto relativo alla soglia di € 3.000, in caso di contratti collegati, va considerato l'ammontare complessivo dei corrispettivi previsti per tutti i contratti.

I Video di PMI