Tratto dallo speciale:

Cedolino pensione luglio con bonus 200 euro e quattordicesima: a chi spetta e quando arriva

di Noemi Ricci

scritto il

Cedolino pensione di luglio 2022 con Bonus 200 euro automatico e quattordicesima mensilità: chi ne ha diritto, a quanto ammontano e quando vengono pagati.

Il cedolino pensione INPS di luglio 2022 questo mese è più ricco grazie alla quattordicesima ed alla tanto attesa indennità una tantum anti-inflazione, ossia il cosiddetto bonus 200 euro. Vediamo dunque quali voci sono contenute nel rateo in corso, visionabili nel cedolino online, consultabile nel fascicolo previdenziale del cittadino o accedendo al servizio online INPS inserendo le proprie credenziali SPID, CIE, o CNS.

Cedolino pensione luglio 2022

Come ogni mese, anche a luglio l’INPS ha messo a disposizione dei pensionati il cedolino pensione, che consente loro di verificare l’importo dettagliato della pensione, anche online, personalmente o su delega di una persona di fiducia per l’accesso ai servizi telematici dell’Istituto.

Bonus 200 euro: a chi spetta

Il Bonus di 200 euro pensionati verrà erogato d’ufficio a tutti i pensionati residenti in Italia che abbiano un reddito entro i 35mila euro annui lordi. Si tratta di una somma una tantum prevista dal Decreto Aiuti (dl 50/2022) e pensata per aiutare le famiglie ad affrontare il caro prezzi dovuto all’impennata dell’inflazione e all’aumento generalizzato del costo della vita al quale stiamo assistendo in questo periodo.

Quattordicesima: a chi spetta

Anche la quattordicesima mensilità non spetta a tutti i pensionati, ma spetta solo a coloro che:

  • percepiscono le seguenti prestazioni:
    • pensione di vecchiaia;
    • pensione anticipata;
    • pensione di reversibilità ai superstiti;
    • assegno ordinario di invalidità;
    • pensione di inabilità;
  • rientrano nelle seguenti fasce di reddito:
    • inferiore a 10.244,91 euro lordi annui (pari a 1,5 volte il valore della pensione minima che è di 525,38 euro);
    • tra una volta e mezzo e due il trattamento minimo, quindi tra 10.244,92 euro e 13.659,88 euro lordi l’anno.

In entrambi i casi è richiesta un’età minima di 64 anni.

L’importo della 14esima pensione varia in rapporto agli anni di versamenti contributivo:

  • 437,  546, o 655 euro per redditi fino a 1,5 volte il minimo in caso rispettivamente di non più di 15 anni di contributi, tra 15 e 25, oltre 25 anni di contributi;
  • 336, 420, o 504 euro per redditi fino a 2 volte il minimo, in caso rispettivamente di fino a 15 anni di contributi, tra 15 e 25, oltre 25 anni di contributi.

=> Quattordicesima pensione: requisiti e limiti

Pagamento pensioni: le date di luglio 2022

Con la fine dello stato di emergenza da Coronavirus, il pagamento delle pensioni da parte dell’INPS non avviene più con alcun anticipo ma si ritirano comunque in ordine alfabetico, in base al cognome, per chi ritira l’assegno alle Poste. Dunque le pensioni di luglio si potranno riscuotere presso gli uffici postali solo dal primo giorno del mese, secondo il calendario scaglionato in ordine alfabetico dal 1° al 7 luglio. Per chi riceve la pensione direttamente sul proprio conto postale o bancario, la data valuta è quella del 2 luglio.