Tratto dallo speciale:

Reddito di Cittadinanza e Assegno Universale: i nuovi importi 2022

di Redazione PMI.it

scritto il

Come cambia l'importo del Reddito di Cittadinanza con l'introduzione dell'Assegno Unico Universale per i Figli: le regole per il calcolo della quota figli.

Da marzo 2022 prende il via l’Assegno Unico Universale per i Figli a carico (AUUF), Il nuovo sussidio alla genitorialità che va a sostituire le precedenti misure per le famiglie, erogato anche per coloro che percepiscono il Reddito di Cittadinanza, con una conseguente rimodulazione in termini di importo ricevuto. L’Assegno Unico è infatti cumulabile con l’RdC e potrebbe andare ad incrementarne l’ammontare complessivo, vediamo come.

Calcolo RdC con Assegno Unico

Per calcolare l’importo del Reddito di Cittadinanza in caso di fruizione dell’Assegno Unico Universale per i Figli bisogna procedere nel seguente modo:

  • sottrarre dall’importo dell’assegno RdC la quota relativa ai figli a carico;
  • utilizzare l’importo risultante cone base alla quale sommare l’importo spettante con il nuovo Assegno Unico e Universale.

=> Calcolo importo Assegno Unico

Calcolo quota figli RdC

Ma come si calcola la quota figli RdC? La quota di Reddito di cittadinanza relativa ai figli minori che fanno parte del nucleo familiare è calcolata in base alla formula:

Quota RdC minorenni=ImportoRdC*[(contributo minorenni alla scala di equivalenza)/(scala equivalenza totale)]

Se la scala di equivalenza ottenuta sommando i parametri relativi alle diverse componenti è ridotta per applicazione del tetto massimo, la determinazione della Quota RdC minorenni avviene attraverso la seguente formula:

Quota RdC minorenni (nuclei con abbattimento scala di equivalenza)=ImportoRdC*[(scala equivalenza totale- contributo maggiorenni alla scala di equivalenza)/(scala equivalenza totale)]

=> Reddito di cittadinanza, i calcoli caso per caso

Calcolo importo Assegno Unico

Come si calcola l’importo dell’AUssegno Unico? L’Assegno Unico Universale per Figli spetta a tutti, indipendentemente dal reddito percepito, ma l’importo varia in base all’ISEE (obbligatorio per chi percepisce l’RdC). L’importo massimo dell’Assegno (175 euro mensili) spetta a coloro che hanno un reddito sotto i 15mila euro ed è minimo (50 euro mensili) per gli ISEE superiori a 40mila euro.

=> ISEE da 40mila euro: a quale reddito corrisponde

I percettori di Reddito di Cittadinanza hanno, per forza di cose, un reddito inferiore a 9.360 euro annui (altrimenti non spetterebbe il sussidio). A questa fascia di reddito corrisponde la quota massima di Assegno Unico pari a 175 euro al mese per i primi due figli e 260 euro dal terzo figlio in poi. In caso di famiglia numerosa (con più di quattro figli a carico) c’è un aumento forfettario di 100 euro sull’assegno.

=> Simula il tuo ISEE online

Ovviamente in caso di figli con disabilità ci sono ulteriori maggiorazioni, che vanno da 85 euro a 105 euro al mese in base alla condizione di disabilità.

Al tutto si aggiunge un incremento di 20 euro a figlio in caso di giovani madri sotto i 21 anni, indipendentemente dall’ISEE, e se entrambi i genitori sono lavoratori si aggiungono 30 euro per figlio minorenne per ISEE 15mila euro a scalare fino a zero oltre 40mila euro di ISEE.

Domanda Assegno Unico con RdC

Chi percepisce il Reddito di Cittadinanza (RdC) non deve presentare la domanda: l’Assegno Unico viene versato in automatico sulla Carta RdC.