Tratto dallo speciale:

Offerta di lavoro: 10 fattori chiave per non sbagliare

di Redazione PMI.it

scritto il

Cosa valutare prima di accettare una nuova offerta di lavoro? Ecco 10 fattori chiave da tenere sotto controllo, dallo stipendio alle dimensioni aziendali.

Una nuova offerta di lavoro deve sempre essere valutata con attenzione, al fine di limitare il rischio di sbagliare e di ritrovarsi dimissionari dopo poco tempo. Solo nel 2021 le dimissioni sono cresciute del 15% rispetto agli anni precedenti, sfiorando a volte il 30%. Un trend che mette in crisi le imprese chiamate a sostituire i dipendenti.

Sono dieci i fattori chiave da prendere in considerazione per fare la scelta giusta, motivazioni individuate dall’agenzia del lavoro Lavoropiù attraverso la rielaborazione delle informazioni raccolte in oltre 60 mila colloqui di lavoro effettuati in tutta Italia negli ultimi sei mesi del 2021.

Le dieci motivazioni rappresentano una risorsa preziosa per comprendere cosa spinge realmente le persone a sposare un’azienda, oppure ad andare incontro al cambiamento cercando un nuovo lavoro.

  • Stipendio: la proposta economica è sempre centrale ma per il lavoratore è fondamentale percepire la propria retribuzione come adeguata rispetto alle competenze e al percorso professionale.
  • Motivazione: il lavoro è attrattivo se crea gratificazione, indipendenza e responsabilità.
  • Proiezione: il desiderio di accrescere le proprie conoscenze e capacità, grazie alla formazione e all’interazione con colleghi e superiori.
  • Engagement: il desiderio di lavorare per un’azienda condividendone la mission e i valori.
  • Interesse per il settore: il settore di appartenenza dell’azienda rappresenta uno stimolo importante per ogni lavoratore.
  • Dimensioni aziendali: l’ambiente lavorativo, la capacità innovativa, la crescita professionale e la stessa retribuzione sono molto diverse in una start-up, in una PMI o in una multinazionale.
  • Proattività: il desiderio di mettersi in gioco affrontando le nuove sfide con entusiasmo.
  • Partecipazione attiva: l’opportunità di trasmettere il proprio know-how e contribuire in maniera propositiva all’attività dell’impresa.
  • Stimoli professionali: la propensione al cambiamento è stesso legata al bisogno di trovare nuovi stimoli.
  • Metodologie: la scelta di cambiare lavoro può passare anche attraverso un’attenta valutazione delle metodologie applicate in azienda.