Tratto dallo speciale:

Somministrati: tutele fino al 30 aprile

di Redazione PMI.it

scritto il

Tempi duri per l'emergenza Coronavirus anche per i lavoratori somministrati: l'accordo che tutela la loro continuità occupazionale e retributiva.

Continua in Italia l’allarme Coronavirus e di conseguenza ci si sta muovendo su più fronti per fronteggiare la situazione, sia cercando di evitare il diffondersi del contagio, che dando vita a misure straordinarie di supporto alle imprese ed i lavoratori coinvolti.

È in questo contesto che è stato sottoscritto da parte di Assolavoro (Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro) ed i sindacati di categoria (Nidil Cgil, Felsa Cisl, UilTemp) un accordo che va ad individuare misure straordinarie a tutela della continuità occupazionale e retributiva di tutti i lavoratori in somministrazione coinvolti dall’emergenza COVID-19, prevedendo uno stanziamento di 10 milioni di euro dal fondo di solidarietà per far fronte alle emergenze. Ad annunciarlo è stato Agostino Di Maio, direttore generale di Assolavoro, Associazione che rappresenta oltre il 90% del settore.

=> Coronavirus: liquidità per PMI professionisti

Lavoro in somministrazione: gli effetti del COVID-19

A raccontare come la pandemia da Coronavirus sta influenzando il mercato del lavoro è Alessandro Ramazza, presidente di Assolavoro, spiegando che in questo momento l’attività delle Agenzie del lavoro private è concentrato in particolare sul collocamento di lavoratori in somministrazione. A parte i settori strettamente legati all’emergenza COVID-19, ovvero quello sanitario, alimentare e della logistica, l’economia italiana è praticamente ferma.

Siamo andati giù del 7% ci sono alcuni settori completamente fermi e altri che hanno preso il volo. Oggi ci chiedono per lo più infermieri, assistenti sanitari e tutte quelle figure necessarie ad affrontare l’emergenza del Coronavirus. I settori che corrono di più oltre a quello sanitario sono quelli della logistica e della Grande distribuzione, dai commessi ai magazzinieri per le grandi piattaforme di distribuzione, ma anche specialisti o tecnici dell’e-commerce sono molto ricercati.

=> Medici in pensione Quota 100 al lavoro come autonomi

Il crollo si fa sentire in particolare in uno dei settori che da sempre invece rappresenta un traino per la nostra economia: il settore turistico e alberghiero. Ma si segnalano cali importanti anche per il piccolo commercio e la ristorazione.

Le richieste si sono praticamente azzerate. Il manifatturiero è a macchia di leopardo, ci sono alcune fabbriche che hanno scelto di chiudere, altre che invece sono in sovra produzione, mi riferisco a tutto il settore del biomedicale che richiede varie figure professionali.

Coronavirus: misure straordinarie somministrati

Per tutelare i lavoratori in somministrazione, aiutandoli a superare questo difficile momento, l’accordo tra Assolavoro e sindacati prevede:

  • che sia garantito il Trattamento di Integrazione Salariale “in deroga”, in via straordinaria e sperimentale, attraverso un appostamento di 10 milioni di euro a valere sul Fondo di Solidarietà di settore, nel caso in cui l’utilizzatore (l’azienda presso cui è impiegato il lavoratore in somministrazione) non attivi alcun ammortizzatore sociale;
  • l’estensione del Trattamento di Integrazione Salariale ordinario anche ai lavoratori in somministrazione con meno di 90 giornate di anzianità nel settore;
  • la semplificazione delle procedure: i periodi di malattia legati all’emergenza COVID-19 vengono esclusi dal computo del periodo di comporto previsto dal vigente CCNL.

=> Cig Covid-19: pronte le istruzioni

L’accordo si applica ai lavoratori impiegati tramite Agenzia dipendenti di aziende situate nelle “aree rosse e gialle” d’Italia individuate a seguito della dilagante diffusione del Coronavirus, sia a quelli residenti o con domicilio nelle stesse zone, con decorrenza dal 23 febbraio 2020 fino al 30 aprile 2020, salvo eventuali successive proroghe e decisioni delle Parti in relazione all’andamento dell’emergenza COVID-19.

I Video di PMI

Visite fiscali INPS per malattia dei dipendenti