L’Italia produce più ricchezza che benessere

di Barbara Weisz

scritto il

Ci sono l’indice di sviluppo umano, il Better Life Index dell’OCSE, il Genuine Progress Indicator (GPI), l’indice di benessere economico sostenibile: a voler cercare un minimo comune denominatore fra i diversi criteri per misurare la ricchezza alternativi al PIL (prodotto interno lordo), si può rilevare che l’Italia non brilla in nessuna delle graduatorie alternative. Fra i primi dieci produttori di ricchezza del mondo, in materia di benessere non è in nessun caso nemmeno fra i primi 20.

=> Crescita, il DEF 2016

Partiamo dall’indice di sviluppo umano, che dal 1993 l‘ONU utilizza per valutare la qualità della vita dei paesi: elaborato nel 1990 dall’economista pakistano Mahbub ul Haq, e poi seguito dall’economista indiano Amartya Sen, tiene conto di una serie di fattori oltre alla ricchezza pro capite, a partire da aspettativa di vita, istruzione, sanità. L’Italia è al 27esimo posto nel mondo, sul podio Norvegia, Australia e Svizzera. L’OCSE utilizza invece il Better Life Index, che ha debuttato nel 2011, e misura la qualità della vita in base a 11 parametri (relazioni sociali, istruzione, ambiente, impegno civile, salute, abitazione, reddito, lavoro, soddisfazione, sicurezza ed equilibrio lavoro-vita privata). L’Italia è al 25esimo posto, in prima posizione anche in questo caso c’è la Norvegia, seguono Australia, Danimarca e Svizzera.

=> Pacchetto Crescita, vale +0,2% di PIL nel DEF

Ci sono poi una serie di indici alternativi messi a punto dagli economisti. Il GPI, genuine progress indicator (indicatore del progresso autentico), inserisce variabili sociali come sfruttamento dell’ambiente, criminalità,  divorzi, disoccupazione e tempo libero, e misura la differenza fra spese positive (beni e servizi) e spese negative (quindi costi, come la criminalità, l’inquinamento e via dicendo). L’indice di benessere economico sostenibile, che risale alla fine degli anni ’80, misura il benessere attraverso il rapporto ambiente-economia-società. In Italia l’istituto di statistica dal 2010 misura il benessere anche con un indice alternativo al PIL, il BES (benessere equo e sostenibile), che considera 12 diversi fattori (salute, istruzione e formazione, lavoro e conciliazione tempi di vita, benessere economico, relazioni sociali, politica e istituzioni, sicurezza, benessere soggettivo, paesaggio e patrimonio culturale, ambiente, ricerca e innovazione, qualità dei servizi. A livello internazionale, fra i primi paesi ad applicare un indicatore del benessere alternativi al PIl il Bhutan, con il Gross National Happiness Index. Altri programmi nazionali: il Canadian Index of Wellbeing (CIW), l’australiano Measures of Australia’s Progress , il programma britannico Measuring National Well-being.

I Video di PMI