Comunità energetiche: nel PNRR incentivi per l’autoconsumo

di Redazione PMI.it

scritto il

Autoconsumo collettivo e comunità energetiche da Rinnovabili: tariffe scontate, cumulo con Superbonus 110%, investimenti nel PNRR, come funziona.

La tariffa incentivante per la promozione dell’autoconsumo collettivo e le comunità energetiche da fonti rinnovabili, permette a privati cittadini, PMI ed enti locali di consumare l’energia che producono. Anche tramite l’impiego dei sistemi di accumulo. La tariffa è anche cumulabile con il Superbonus al 110% nei limiti di legge.

La normativa

La normativa di rifermento è il DL 162/19 (articolo 42bis) e i relativi provvedimenti attuativi, tra cui la delibera ARERA  318/2020/R/eel e il Decreto MiSE del 16 settembre 2020. Il provvedimento, oltre ad introdurre nuovi incentivi alle Rinnovabili, rende operativa la misura volta a favorire la transizione energetica ed ecologica del sistema elettrico in Italia verso un modello decentrato, alimentato con energie pulite. La legge regolamenta dunque l’autoconsumo collettivo tra famiglie o condomini e le comunità energetiche, a cui possono partecipare persone fisiche, piccole e medie imprese, enti locali ubicati in un perimetro condiviso.

Gli incentivi

Dal 22 dicembre scorso è possibile inoltrare le domande per i contributi per comunità energetiche e autoconsumo collettivo. Sul sito del GSE sono indicati i requisiti, le modalità di accesso, lo schema di contratto e le tempistiche di erogazione degli incentivi. L’incentivo è regolato dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE). L’incentivo è riconosciuto per un periodo di 20 anni.

La tariffa per l’energia autoconsumata è pari rispettivamente a:

  • 100 €/MWh per le configurazioni di autoconsumo collettivo;
  • 110 €/MWh per le comunità energetiche rinnovabili.

Le novità del PNRR

Le comunità energetiche, lo ricordiamo,  avranno un ruolo anche nella transizione green prevista dal PNRR, con investimenti mirati, tra cui lo sviluppo delle comunità energetiche e dei sistemi di generazione distribuita con impianti di piccola taglia. Per la promozione di Rinnovabili e autoconsumo sono previsti 2,2 miliardi di euro per il sostegno alle comunità energetiche e alle strutture collettive di autoproduzione, anche nei piccoli Comuni, sostenendo l’economia di aree a rischio di spopolamento.