EPMF: nuovo strumento comunitario per finanziare le micro-imprese

di Roberto Rais

scritto il

Si chiama EPMF(European Progress Microfinance Facility) ed è un nuovo strumento di finanziamento che l’Unione Europea sta predisponendo per facilitare l’accesso al credito da parte delle Pmi e, in particolar modo, delle cosiddette “micro-imprese“, che per le loro ristrette dimensioni e la contenuta capitalizzazione, hanno spesso delle enormi difficoltà  nel poter reperire adeguate risorse finanziarie.

Questo nuovo strumento di “micro-finanziamento” è rivolto soprattutto a coloro che hanno perso il lavoro e cercano di ricollocarsi sul mercato avviando una nuova attività  imprenditoriale di piccole dimensioni, o ancora alle micro-aziende già  attive, con meno di 10 dipendenti.

Con i presupposti di cui sopra, appare piuttosto palese come l’intervento comunitario possa rivolgersi a un ampissimo parco di potenziale utenza. Oltre 9 imprese su 10, infatti, rientrano nei limiti quantitativi occupazionali previsti per la sopra ricordata definizione di “micro-impresa”; ancora, 99 nuove attività  su 100 vengono lanciate sul mercato con un numero di dipendenti inferiore ai 10; infine, circa un terzo delle nuove micro-imprese sono guidate da ex disoccupati che, come già  ribadito, cercano di rilanciare la propria professionalità  attraverso una nuova impresa.

Stando a quanto reso noto, l’intervento dell’EPMF dovrebbe per ora concretizzarsi in un supporto di 100 milioni di euro, utili per permettere l’erogazione di finanziamenti per un totale di circa mezzo miliardo di euro, grazie alla cooperazione con la BEI (Banca Europea degli Investimenti) e il FEI (Fondo Europeo degli Investimenti).

Secondo i primi calcoli, in otto anni il plafond potrebbe essere sufficiente per garantire l’erogazione di circa 45mila prestiti a tassi di interesse agevolati, in virtù della presenza del Fondo Sociale Europeo a garanzia di un credito reperibile in maniera più semplice.

L’importo unitario dei finanziamenti destinati alle micro-imprese è invece pari a 25mila euro, per ottenere i quali sarà  necessario rivolgersi agli intermediari autorizzati (per lo più banche) il cui elenco è visualizzabile nel sito ufficiale del Fondo Europeo degli Investimenti.