Il corporate blog torna ad essere Open Source

di Paolo Iasevoli

scritto il

SixApart, sviluppatrice di una delle più famose piattaforme blog per le imprese, si riconverte all'Open Source dopo aver adottato per 3 anni la licenza commerciale

Cosa hanno in comune Intel, General Motors e il Washington Post? Semplice: i loro blog sono basati sulla piattaforma Movable Type sviluppata da SixApart.

La società statunitense aveva conosciuto un florido periodo di celebrità grazie ai suoi prodotti distribuiti GPL (General Public License) e distribuiti gratuitamente. Almeno fino al 2004, quando aveva deciso di trasformare il suo prodotto di punta, Movable Type appunto, in un software a pagamento.

Con un’inversione di rotta salutata da fan e clienti, ha ora deciso di adottare un doppio sistema di licenze, e distribuire MT sia in versione Open Source che commerciale. L’annuncio coincide con l’imminente rilascio della nuova incarnazione, la 4.0, che dovrebbe vedere la luce in estate.

Blogger e aziende attendono con ansia le novità che SixApart ha in serbo per loro. L’evoluzione della piattaforma dovrebbe infatti essere sostanziale, con rinnovamenti nell’interfaccia e nelle applicazioni supportate. In particolare, a benificiare dei cambiamenti saranno le imprese.

Tutte le evoluzioni sono infatti volte al raggiungimento di una maggiore semplicità d’uso, con wizard e nuovi strumenti di gestione che permettano anche agli utenti meno esperti (come possono essere i dipendenti di un’azienda) di creare il proprio blog. E che blog: Movable Type offrirà la possibilità di andare oltre la tradizionale struttura dei web log classici.

Alla SixApart la chiamano “social media platform”, e consentirà ai lettori di acquisire privilegi per poter pubblicare a loro volta dei post, ma sopratutto le aziende avranno la possibilità di aggiungere anche pagine statiche. In questo modo la comunicazione aziendale potrà essere arricchita e spinta oltre la struttura piuttosto chiusa dei blog.