Apple vuole un tool per l’editoria su iPad

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Apple è attualmente al lavoro sulla creazione di un template pensato per semplificare la creazione, tramite Xcode, delle riviste online, aprendo così le porte a nuovi utenti ed editori.

Apple starebbe attualmente lavorando alla creazione di nuovi strumenti per facilitare l’editoria online, tra i quali un vero e proprio template offerto tramite Xcode – software per lo sviluppo di applicativi per Mac OS X e iOS – e grazie al quale creare con facilità riviste da pubblicare online.

Si tratta di una mossa decisamente interessante che metterebbe a disposizione anche dei piccoli editori (se non semplici utenti) tutti gli strumenti per la creazione di magazine virtuali, uniformandone al contempo l’interfaccia, a tutto vantaggio della leggibilità e fruibilità dei contenuti.

L’iPad si è già chiaramente mostrato come veicolo d’eccellenza per la fruizione di contenuti online; tuttavia, la mancanza di una interfaccia “base” per le differenti riviste ha portato nel tempo alla creazione di contenuti estremamente dissimili tra loro nel formato e nella leggibilità e a volte neppure in linea con le linee guida Apple in merito all’interfaccia utente.

I template offerti da Xcode potrebbero così colmare la lacuna, facilitando di molto l’ingresso dei piccoli editori nel mondo dell’editoria online; sarà infatti sufficiente il supporto di uno sviluppatore per portare in pochi semplici passi la propria rivista all’interno dell’App Store, peraltro con la certezza di incontrare immediatamente le abitudini del lettore.

Ciò porterebbe al contempo ad una espansione del bacino di potenziali utenti, con il proliferare di contenuti, anche auto-prodotti, veramente per tutti i gusti, a partire dai “Garage Magazine” fino all’album di fumetti realizzato da un qualche artista emergente.

Secondo quanto riportato da Gadget Daily News, i nuovi template saranno inclusi all’interno del tool di sviluppo Xcode entro la fine del 2011: a quel punto ogni editore sarà un piccolo Rupert Murdoch ed il The Daily non sarà più l’unica avventura editoriale in grado di sfidare in coscienza l’avventura sul tablet di Cupertino.