Roaming UE: in vigore il taglio delle tariffe

di Redazione PMI.it

scritto il

Il primo luglio 2012 sono scattate le nuove tariffe per il roaming intra-UE, che prevedono il taglio dei costi per traffico dati, voce e SMS: la scheda sui prezzi massimi e le ulteriori riduzioni fino al 2016 per la liberalizzazione del mercato.

Dall’1 luglio 2012 è entrato in vigore il taglio delle tariffe per traffico voce e dati nella UE.

In virtù della direttiva europea sul Roaming intra-UE – che prevede la graduale riduzione dei prezzi e la liberalizzazione del mercato TLC – gli utenti possono oggi godere di costi ridotti per navigare, telefonare ed inviare SMS all’interno del territorio comunitario, con grandi vantaggi soprattutto per le utenze business e i professionisti spesso all’estero in trasferta di lavoro.

I piani tariffari diventano dunque più convenienti per chi si muove nell’Unione Europea, grazie all’entrata in vigore dei nuovi tetti massimi di costo per SMS, chiamate e scambio dati.

  • Traffico dati: 70 centesimi per megabyte; 45 cent. nel 2013; 20 cent. dal 2014.
  • Traffico voce: 29 centesimi/minuto; 19 centesimi dal 2014.
  • SMS: 9 centesimi; 6 centesimi dal 2014.

Tariffe massime al dettaglio per i consumatori
(IVA esclusa)

Oggi 1° Luglio 2012 1° Luglio 2013 1° Luglio 2014
Dati (per megabyte) Nessuno 70 cent 45 cent 20 cent
Telefonate (al minuto) 35 cent 29 cent 24 cent 19 cent
Telefonate (al minuto) 11 cent 8 cent 7 cent 5 cent
SMS 11 cent 9 cent 8 cent 6 cent

***

Tariffe massime all’ingrosso per operatori
(IVA esclusa)

Oggi 1° Luglio 2012 1° Luglio 2013 1° Luglio 2014
Dati (per megabyte) 50 cent 25 cent 25 cent 5 cent
Telefonate (al minuto) 18 cent 14 cent 10 cent 5 cent
SMS 4 cent 3 cent 2 cent 2 cent

***

Per bloccare i costi in bolletta gli utenti riceveranno ora messaggi di avviso se il traffico mensile dovesse essere superiore a 50 euro (IVA esclusa) purché la rete TLC estera sia compatibile con il servizio.

Dal 1 luglio 2012, inoltre, gli operatori mobili virtuali hanno diritto di accedere alle reti di altri operatori a prezzi all’ingrosso, al fine di fornire servizi di Roaming.

Dall’1 luglio 2014, tra l’altro, sarà possibile scegliere l’operatore da utilizzare per il Roaming e cambiarlo senza dover sostituire il numero telefonico.