Facebook studia un nuovo servizio email e festeggia i 400 mln di utenti

di Emanuele Menietti

scritto il

Facebook avrebbe avviato una profonda revisione del proprio sistema per la messaggistica interna. Il nuovo servizio dovrebbe essere aperto anche verso l'esterno e avere molto in comune con gli attuali servizi webmail come Gmail

Facebook potrebbe presto implementare un nuovo servizio email in grado di competere con Gmail. I responsabili del celebre social network avrebbero già avviato un progetto per una radicale revisione dell’attuale sistema per la posta interna. La nuova soluzione in fase di sviluppo dovrebbe così consentire agli utenti di utilizzare un indirizzo di posta offerto da Facebook anche all’esterno del social network, sulla falsa riga di quanto realizzato dal concorrente MySpace.

L’indiscrezione sulle email targate Facebook circola da alcuni giorni sul Web ed è stata diffusa dal sito di informazione online TechCrunch. L’attuale sistema per la gestione della posta interna risulta poco gradito alla maggior parte degli utenti: l’interfaccia non è molto intuitiva e per la gestione dei messaggi sono richiesti numerosi passaggi. La scarsa usabilità non ha giovato al servizio e alcune recenti implementazioni, tese a semplificare il sistema, non hanno sortito gli effetti desiderati. La posta di Facebook è, inoltre, prigioniera dello stesso social network e non offre una particolare integrazione con il proprio account email tradizionale per gestire la messaggistica.

Partendo da questi presupposti, i responsabili del trafficato social network avrebbero deciso di avviare una profonda revisione del sistema per la posta. Il nuovo progetto, battezzato Project Titan, dovrebbe rispondere alle esigenze degli utenti portando le nuove funzionalità ormai attese da tempo. Stando alle prime indiscrezioni, il nuovo sistema sarà aperto anche verso l’esterno e faciliterà dunque la comunicazione non solo con i propri contatti su Facebook, ma anche con gli utenti non iscritti al social network.

Il servizio supporterà le soluzioni POP e IMAP e sarà dunque accessibile anche attraverso i client di posta elettronica come MS Outlook o Thunderbird. Salvo cambiamenti di programma, l’indirizzo di posta elettronica assegnato a ogni iscritto sarà basato sulla porzione personalizzata della URL dei profili, dunque: vanityurl@facebook.com. Tale soluzione dovrebbe consentire a ogni utente di rimanere facilmente identificabile attraverso il proprio indirizzo di posta elettronica, limitando fraintendimenti e scambi di persona tra le centinaia di milioni di iscritti a Facebook.

Il nuovo servizio di posta elettronica ora in cantiere potrebbe consentire al social network di estendere ulteriormente il proprio bacino di utenti, offrendo nuove funzionalità in grado di fare concorrenza agli altri servizi email disponibili online. Secondo alcuni osservatori, Google potrebbe subire qualche contraccolpo sul fronte di Gmail, ma come insegna l’esperienza del servizio di posta offerto da MySpace intaccare la leadership dei sistemi per le email maggiormente radicati sul Web non sarà semplice. Molto dipenderà dalla qualità del servizio offerto da Facebook e dalla reazione dei tanti utenti che quotidianamente ne affollano le pagine.

A sei anni di distanza dal lancio del social network, Facebook ha da poco raggiunto i 400 milioni di iscritti, una cifra considerevole specie alla luce dei trend di crescita dell’intero spazio online: due mesi fa circa il numero di utenti era pari a 350 milioni. Per sostenere l’enorme mole di traffico e dati genarati dagli utenti, i responsabili di Facebook hanno confermato l’avvio dei lavori per la costruzione di un nuovo data center su misura in Oregon (USA). La nuova struttura consentirà alla società di avere un controllo diretto sulle macchine e i server che animano il social network, offrendo così agli utenti un servizio più rapido e di migliore qualità.

Facebook è passato da quota 300 a 350 milioni di iscritti in sei mesi e da 350 milioni a 400 milioni di profili attivi in appena due mesi. Facebook è ancora in una fase di forte espansione su scala globale e si conferma come il primo social network della Rete. Un sistema per la posta elettronica rivisto e aggiornato potrebbe aggiungere un nuovo importante tassello per il successo dello spazio online.