Nuova offerta business di 3 Italia

di Filippo Vendrame

scritto il

Il gestore 3 Italia ha aggiornato la sua offerta per i clienti affari introducendo interessanti novità . Dal 13 maggio, l’operatore lancia le nuova offerte solo SIM, cioè dedicate ai clienti che cercano un piano tariffario che non includa anche uno smartphone. Le novità  riguardano i piani PRO SIM 800, PRO INFINITO e PRO INFINITO PLUS.

=> Scopri le altre offerte 3 Italia

PRO SIM 800 offre 800 minuti di chiamate verso tutti, 200 SMS e 2 GB di traffico dati. L’abbonamento costa in promozione 15 euro al mese per sempre (canone ordinario 40 euro) e prevede la tassa di concessione governativa per l’utenza affari di 12,91 euro.

PRO INFINITO offre chiamate ed SMS senza limiti oltre che 2 GB di traffico dati. L’abbonamento, sempre in promozione, costa 25 euro al mese (canone ordinario 65 euro) e prevede la tassa di concessione governativa per l’utenza affari. PRO INFINITO PLUS, infine, offre chiamate ed SMS senza limiti e ben 20 GB di traffico dati al mese. L’abbonamento costa in promozione 35 euro al mese (canone ordinario 124 euro). Anche in questo caso è prevista la tassa di concessione governativa per l’utenza affari.

Tutti i prezzi si intendono IVA esclusa. Con il lancio di questa nuova offerta, 3 Italia eliminerà  dal suo listino i vecchi abbonamenti TOP SIM PRO. La nuova offerta prevede inoltre un vincolo minimo obbligatorio di 24 mesi. I vecchi clienti potranno migrare verso i nuovi piani solo in caso di upgrade.

=> Leggi le tariffe 3 Italia per iPhone

Contestualmente all’uscita di questa nuova offerta, 3 Italia lancia anche le nuove opzioni “3 International Business” e “Colleghi“. La prima opzione è dedicata a chi chiama molto all’estero e permette di telefonare verso i Paesi di Zona 1 a soli 5 centesimi al minuto (10 cent lo scatto alla risposta). Il costo di 3 International Business è di 3 euro al mese.

Colleghi offre invece 2000 minuti in più al mese per chiamare i colleghi della propria azienda a soli 3 euro al mese.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!