Consulenze esterne nella PA: nuove restrizioni

di Teresa Barone

scritto il

I dirigenti pubblici che affidano incarichi al di fuori dell?ente potrebbero dover rispondere di danno erariale: la sentenza della Cassazione.

Una recente sentenza della Corte di Cassazione fissa nuovi limiti per la richiesta di consulenze esterne da parte della Pubblica Amministrazione: i dirigenti che affidano incarichi a professionisti esterni devono rispondere di danno erariale, a meno che non ci sia la prova dell?oggettiva impossibilità di far svolgere il medesimo incarico all?interno dell?amministrazione.

=> Leggi la normativa che regola le consulenze esterne nella PA

Lo ha stabilito la Suprema Corte con la sentenza n. 4283 del 21 febbraio 2013, attraverso la quale è stato respinto il ricorso di un gruppo di manager pubblici già condannati per l?assegnazione di consulenze al di fuori dell?ente.

La Cassazione sancisce il suo pieno diritto a verificare la legittimità degli incarichi distribuiti all?esterno dell?ente, al fine di rilevare eventuali danni di tipo erariale: in questo modo non viene violato il principio della “riserva di amministrazione? e non vengono oltrepassati i limiti esterni della giurisdizione della Corte stessa.

=> Leggi i dati relativi alle consulenze nella Pubblica Amministrazione

«Le scelte degli amministratori, dovendo conformarsi ai suddetti criteri di legalità e a quelli giuridici di economicità, di efficacia e di buon andamento sono soggette al controllo della Corte dei Conti perché assumono rilevanza sul piano della legittimità e non della mera opportunità dell’azione amministrativa.»

I Video di PMI

Guida alle ferie aziendali