SAeT, più controllo e trasparenza nella Pubblica Amministrazione

di Alessia Valentini

scritto il

Il servizio, proposto dal Ministro brunetta, avrà la funzione di controllo e di prevenzione degli illeciti nella pubblica amministrazione

La missione di questa neonata struttura si concretizza in alcune azioni principali:

  1. Indagini conoscitive all’interno della P.A. in settori specifici (sanità, appalti, sistema acquisti);
  2. Monitoraggio procedure di spesa e dei tempi di pagamento;
  3. Valutazione periodica dell’attualità degli strumenti giuridici e delle prassi amministrative;
  4. Individuazione delle criticità del sistema normativo;
  5. Verifica della vulnerabilità della pubblica amministrazione rispetto alla corruzione e alle condotte criminali ad essa collegate;
  6. Collaborazione tecnologica con il CNIPA, finalizzata all’interconnessione di tutti i dati che confluiscono nella struttura; si tratta quindi di implementare l’integrazione di banche dati esistenti nate specificamente per contenere dati relativi a trasparenza e corruzione;
  7. Collaborazione internazionale con i paritetici organismi impegnati nella lotta alla corruzione realizzando protocolli d’intesa e sottoscrivendo accordi;
  8. Rappresentanza presso organizzazioni internazionali di settore, espressamente competenti in materia di trasparenza e corruzione;
  9. Adozione di strumenti di partecipazione dei cittadini e delle imprese quali ad esempio istituzione di un numero verde, di siti per la raccolta di suggerimenti e di segnalazioni. (entro i primi 6 mesi di istituzione del SAeT).

Gli studi e le indagini del SAeT sugli illeciti che a vario titolo (amministrativi, finanziari, organizzativi) e in diversi settori (sanità, appalti, sistema acquisti, ecc) possono verificarsi all’interno della struttura della pubblica amministrazione, dovranno annualmente confluire in tre specifici deliverable:

  • Una mappa dei fenomeni corruttivi all’interno della P. A (la prima versione è attesa dopo 6 mesi dall’istituzione del SAeT);
  • Un piano annuale nazionale per la trasparenza dell’azione amministrativa;
  • Una linea guida di comportamento costituita da una serie di proposte (formulazione di standard, programmi di internal auditing, adozione di codici etici, numeri verdi, etc.) al Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, per una nuova governance sulle pubbliche amministrazioni (la prima versione è attesa dopo 6 mesi dall’istituzione del SAeT).

I Video di PMI

SPID: Guida al rilascio dell’identità digitale