La nuova marca servizi: come funziona

di Teresa Barone

scritto il

Da gennaio la marca servizi sostituisce i pagamenti in contanti per i tributi speciali catastali e le tasse ipotecarie.

Stop ai contanti per versare i tributi speciali catastali e le tasse ipotecarie: come comunica l’Agenzia delle Entrate, da gennaio sarà sufficiente apporre sulla documentazione da presentare un contrassegno adesivo, la “marca servizi“, acquistabile presso le rivendite di generi di monopolio e di valori bollati.

=> Marca da bollo digitale per documenti PA

Simile alla comune marca da bollo, la “marca servizi” potrà essere usata per i tributi inerenti le operazioni di visura o ispezione, per le volture catastali e per il rilascio di certificazioni e copie.

«Dal 1° gennaio 2018 negli Uffici Provinciali – Territorio dell’Agenzia delle Entrate sarà possibile effettuare i pagamenti solo con modalità diverse dal contante. I cittadini potranno, quindi, utilizzare il nuovo contrassegno “marca servizi”, le carte di debito o prepagate, il modello F24 Elide o altre modalità telematiche.»

=> Spid: come funziona l’identità digitale

Così sottolinea l’Agenzia delle Entrate nel comunicato ufficiale del 2 dicembre, specificando che

fino al 31 dicembre 2017 sarà possibile utilizzare ancora il denaro contante e i titoli al portatore.

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI

Come imporsi sui competitor