Banda Ultralarga nei musei e siti archeologici romani

di Teresa Barone

scritto il

Colosseo, Fori e musei della Capitale dotati di connessione a Banda Ultralarga.

I principali musei e siti archeologici della Capitale sono dotati di connessione Internet a Banda Ultralarga, con collegamenti in fibra ottica attualmente a 100 Mbps ma in grado di raggiungere oltre 1 Gbps.

=> Banda Larga e digital divide in Italia

Un risultato ottenuto grazie alla collaborazione tra Garr, la rete italiana dell?Istruzione e della Ricerca, e la Soprintendenza per l?Area Archeologica di Roma: le sedi raggiunte dalla Rete ultra-veloce sono il Colosseo, i quattro rami del Museo Nazionale Romano (Crypta Balbi, Palazzo Altemps, Palazzo Massimo e Terme di Diocleziano), il Foro Romano e il Foro Palatino.

Attraverso questa innovazione, inoltre, Roma diventa la prima Soprintendenza in Europa a garantire siti archeologici connessi alla rete della ricerca, in largo anticipo rispetto agli obiettivi previsti dall?Agenda Digitale (connessione a100 Mbps entro il 2020).

«Oggi non festeggiamo la banda ultralarga – afferma il Soprintendente Francesco Prosperetti – ma la collaborazione della Soprintendenza con il Garr nell?applicazione di una tecnologia avanzata al campo della archeologia e ai settori di nostra competenza, come la tutela, la valorizzazione e la ricerca. Basteranno come esempio l’interoperabilità, vale a dire la capacità di lavorare simultaneamente su archivi diversi, magari situati in paesi lontani, oppure la più semplice possibilità di creare e pilotare applicazioni divulgative per cellulari da dedicare ai visitatori dei nostri luoghi della cultura».

=> Rapporto Cisis sull’innovazione delle Regioni italiane

I Video di PMI

Come scegliere il contenuto giusto sui social