Comuni italiani sempre più Smart

di Teresa Barone

scritto il

Il Rapporto annuale 2015 dell?ISTAT informa sull?innovazione dei Comuni italiani, tra servizi online, mobilità sostenibile e risparmio energetico.

Quanto sono Smart i Comuni italiani? I passi in avanti compiuti dalle amministrazioni locali sono notevoli, tuttavia la forbice tra le città del Centro-Nord e i centri del Sud è ancora ampia. Lo si evince dal Rapporto annuale 2015 dell?ISTAT, che mette nero su bianco le iniziative promosse a livello comunale per promuovere innovazione, servizi digitali, sostenibilità ambientale.

=> Leggi la classifica dei Comuni che spendono troppo

Sono i grandi centri urbani delle Regioni del centro e del Nord a mostrare le performance migliori, soprattutto tenendo conto dei servizi ambientali e della mobilità sostenibile ma anche della partecipazione dei cittadini. Stando ai dati ISTAT, in 41 Comuni della penisola sono attivi servizi di pagamento elettronico della sosta, mentre in 50 centri sono presenti paline elettroniche alle fermate dei mezzi pubblici.

E ancora, ad aumentare del 40% nel corso del?ultimo anno sono state anche le iniziative relative al potenziamento dell?efficienza energetica dell?illuminazione pubblica, attraverso la realizzazione di lampioni a Led.

Per quanto riguarda il coinvolgimento dei cittadini alla vita pubblica e l?attivazione di servizi semplificati, il report riferisce che:

«L?incremento della trasparenza amministrativa si rileva anche nella crescente diffusione di servizi online, una pratica che si traduce anche in specifici benefici ambientali (per esempio, riduzione della congestione urbana). Le grandi città sono particolarmente dinamiche in questo campo e hanno quasi tutte attivato almeno quattro tra i servizi considerati.»

=> Scopri quanto sono smart i Comuni della penisola

Si para di servizi anagrafici (download di modulistica, pratiche per cambio di indirizzo o residenza, certificati anagrafici), delle prenotazione di appuntamenti presso gli uffici comunali, del pagamento online di tributi o altri versamenti (contravvenzioni, servizi di mensa scolastica, rette scolastiche).

I Video di PMI