Al museo con lo smartphone

di Teresa Barone

scritto il

Il polo museale fiorentino chiede il via libera per autorizzare foto e riprese delle opere d?arte attraverso smartphone e tablet.

Scattare foto liberamente all?interno dei musei statali potrebbe diventare realtà, almeno per quanto riguarda le immagini immortalate attraverso smartphone e tablet: il polo museale fiorentino ha inoltrato una richiesta direttamente al Mibac, chiedendo proprio di autorizzare questa pratica finora vietata.

=> Scopri il progetto per digitalizzare le biblioteche di Roma e Firenze

L?iniziativa segue una breve fase di sperimentazione portata avanti a Firenze durante le festività di capodanno, precisamente all?interno della Galleria dell?Accademia: dieci giorni senza divieti e caratterizzati dalla possibilità di effettuare scatti fotografici senza limiti, fatta eccezione per l?uso del flash.

La richiesta del polo fiorentino mira a ottenere la modifica di una normativa ritenuta ormai obsoleta, vale a dire la circolare del 2000 relativa alle autorizzazioni per fotografare le opere d’arte (basata sulla Legge Ronchey del 1993).

=> Scopri la nuova Biblioteca Digitale della Scienza

L?avvento delle nuove tecnologie, infatti, renderebbe superato il divieto di scattare fotografie o effettuare riprese amatoriali nei musei statali (anche in virtù delle difficoltà di controllo), concedendo ai visitatori la possibilità di procedere con le foto solo per uso personale e osservando le dovute cautele.

I Video di PMI

Quali sono i contenuti migliori per Google?