Online la banca dati dei farmaci

di Teresa Barone

scritto il

L?Aifa crea la banca dati virtuale dei farmaci in commercio: online i foglietti illustrativi di oltre 8mila medicinali.

Un database virtuale con le schede dettagliate dei farmaci in commercio, complete di informazioni sul dosaggio, controindicazioni, effetti collaterali e via dicendo: l?Agenzia Italiana del Farmaco ha creato la banca dati online dei medicinali pubblicando sul sito ufficiale oltre 8mila foglietti illustrativi aggiornati relativi a 66mila confezioni autorizzate.

=> Leggi il rapporto sulla sanità digitale della School of Management del Politecnico di Milano

Una banca dati virtuale indispensabile per tenersi sempre aggiornati sulle novità relative ai farmaci in commercio, basti pensare che annualmente ammontano a circa 2mila le modifiche ai “bugiardini?.

Il sito dell?Aifa consente di reperire le informazioni su un medicinale partendo da tre tipologie di ricerca differenti, basate sul nome del farmaco, sul principio attivo e sul nome dell?azienda produttrice.

Secondo il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin si tratta di un passo in avanti nel lungo processo di dematerializzazione della PA che coinvolge anche la sanità:

«La banca dati farmaci dell’Aifa si configura come uno strumento unico e dinamico nel consesso europeo. D’Altra parte l’Aifa è stata la prima in Europa ad affrontare e tentare di risolvere i problemi generati da database obsoleti, incontrollabili e non validati tanto da varare una vera e propria rivoluzione informatica. La trasparenza è oggi un concetto chiave per le amministrazioni pubbliche. Non solo in termini di valore strategico e di principio ispiratore dell’agire nell’interesse comune, ma anche in termini di traduzione concreta nell’operato quotidiano, come impegno ad adempiere gli obblighi di legge che riguardano la trasparenza e temi connessi, come la partecipazione attiva del cittadino, il libero accesso agli atti amministrativi, la dematerializzazione e l’innovazione.»

=> Scopri le nuove app scaricabili dal sito del Ministero della Salute