Banda larga, parola ai cittadini!

di Roberta Donofrio

scritto il

La Provincia di Arezzo lancia sul proprio sito istituzionale un forum dedicato ad imprese, operatori e cittadini per raccogliere testimonianze reali sullo stato della banda larga sul territorio

Tra le tante iniziative intraprese dalle amministrazioni pubbliche italiane per eliminare il digital divide, quella della Provincia di Arezzo è senza dubbio la più vicina all’idea di partecipazione.
Sul sito istituzionale è stato infatti inaugurato un forum dedicato alla banda larga.

Si tratta di uno spazio aperto, destinato ai cittadini ma anche ad imprese ed operatori, che raccoglie attraverso il racconto delle esperienze dell’uso dell’Adsl, una serie di informazioni relative a qualità della copertura, costi e servizi attualmente erogati sul territorio aretino. Questi dati consentiranno alla Provincia di valutare con maggiore consapevolezza le offerte degli operatori nazionali e locali e stabilire i fondi pubblici necessari alla diffusione della banda larga.

Quindi l’obiettivo che l’amministrazione si propone di raggiungere grazie a questo strumento, non è solo quello di consentire ai cittadini di esporre le proprie esigenze, ma consiste nel garantire «che i finanziamenti pubblici, della Regione e della Provincia, vadano effettivamente a coprire le zone disagiate attraverso l’intervento di Eutelia che si è aggiudicata i lavori per il lotto provinciale di Arezzo. Ma è altrettanto necessario conoscere se i servizi ADSL offerti direttamente dagli operatori ai loro clienti, pubblici e privati, sono in grado di soddisfare la domanda, sotto il profilo quantitativo e soprattutto qualitativo» – sottolinea l’assessore Cecchi che ha presentato il nuovo spazio del sito.

E il forum costituisce solo la prima tappa di un piano di aggiornamento sullo stato della banda larga che impegnerà la Provincia di Arezzo per i prossimi due anni. A breve saranno organizzati incontri con la cittadinanza che coinvolgeranno tutti i comuni del territorio.

I Video di PMI

Quali sono i contenuti migliori per Google?