Emilia Romagna: banda larga per tutti

di Andrea Bondi

scritto il

La Regione Emilia Romagna ha firmato l'accordo con il Ministero delle Comunicazioni per lo sviluppo della banda larga su tutto il territorio regionale: sarà la fine del digital divide?

Il digital divide può essere materia lasciata in balìa dell’incerto mercato delle telecomunicazioni? La Regione Emilia Romagna e il Ministero delle Comunicazioni pensano di no. Hanno quindi deciso, tramite la firma di un accordo di programma, di investire circa 20 milioni di per portare la copertura a banda larga sul 100% del territorio regionale entro due anni, con attenzione alle Pubbliche Amministrazioni ma prevedendo interventi anche a favore di cittadini ed imprese. Il tutto tramite l’impiego di diverse tecnologie, dalla fibra ottica al wireless, a seconda del territorio.

Già oggi l’Emilia Romagna si identifica come una delle regioni dove il digital divide è meno diffuso. I numeri parlano di una copertura a banda larga di 2.260.000 abitanti, mentre la popolazione a rischio Digital Divide è di 525.000 abitanti. Di questa copertura si sono occupati nel tempo, diversi attori: dai gestori di TLC alle aziende municipalizzate dei vari territori (Enia, Modena network, Deltaweb ed Hera).

Il territorio appenninico è però rimasto sempre in secondo piano su questi investimenti: la bassa densità di popolazione e le avversità geografiche rendevano difficile e non conveniente coprire queste zone (come pure alcune di pianura) con la fibra ottica o l’aggiornamento delle centraline Telecom per ampliare il raggio d’azione dell’ADSL.

I punti del progetto

Il protocollo prevede due destinatari: da una parte le Pubbliche Amministrazioni non ancora raggiunte dalla fibra ottica e dall’altra cittadini ed imprese non ancora raggiunti dalla banda larga, intesa come collegamento a banda minima di 640 Kbit/sec.

Per ottimizzare le risorse e studiare in maniera più capillare le necessità il territorio è stato suddiviso in quattro tipologie, a seconda della copertura attuale, della popolazione e delle caratteristiche geografiche. Per i comuni non raggiunti da fibra ottica è prevista la realizzazione di dorsali wireless, prevedendo anche un utilizzo della tecnologia WiMAX, una volta che il regolamento dell’Agenzia delle Comunicazioni avrà definito a chi andranno le licenze per il suo utilizzo.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!