Prestazione occasionale: come compilare la ricevuta

di Redazione PMI.it

scritto il

Fac-simile e guida alla corretta compilazione della ricevuta per lavoro autonomo occasionale per i professionisti che svolgono prestazioni saltuarie.

In caso di svolgimento di attività di lavoro autonomo occasionale, saper compilare correttamente e comprendere l’importanza della ricevuta da rilasciare al committente è un elemento imprescindibile. Questa assolve infatti l’importante funzione di quietanza di pagamento per il committente e di certificazione del compenso percepito dal lavoratore. Vediamo dunque i passaggi fondamentali per compilare la ricevuta relativa allo svolgimento di un’attività di lavoro autonomo occasionale, disciplinano dall’articolo 2222 del c.c., con riferimento al contratto di opera.

=> Prestazioni occasionali, come cambiano con il Decreto Dignità

Lavoro autonomo occasionale

Prima di tutto sembra utile chiarire che, per lavoratore autonomo occasionale si intende il soggetto che si obbliga a compiere, dietro corrispettivo, un’opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio senza vincolo di subordinazione, né potere di coordinamento del committente ed in via del tutto occasionale.

Per lo svolgimento di prestazioni di questo tipo non si ha bisogno di aprire la partita IVA obbligatoria invece, eventualmente beneficiando del regime forfettario, in caso di abitualitàprofessionalità, continuità e coordinazione.

=> Aprire partita IVA: guida per ditte e autonomi

Ricevuta per lavoro autonomo occasionale

La ricevuta per lavoro autonomo occasionale deve essere rilasciata al committente al momento del pagamento del compenso. In questo modo il cliente avrà in mano un documento che certifica di aver pagato quella prestazione. Nel compilare la ricevuta per prestazione occasionale, il lavoratore autonomo deve prestare attenzione ai seguenti campi:

  • numero progressivo annuale di emissione, che identifichi inequivocabilmente il documento;
  • data della ricevuta che deve corrispondere a quella in cui si è ricevuto il pagamento del corrispettivo;
  • dati anagrafici del prestatore e del committente, comprensivi di codice fiscale, indirizzo di residenza ed eventuale numero di partita IVA del committente;
  • descrizione dell’attività svolta, possibilmente indicando anche i giorni e l’orario in cui la prestazione è stata effettuata;
  • corrispettivo lordo, ovvero l’importo concordato tra committente e prestatore per l’esecuzione della prestazione di lavoro autonomo occasionale;
  • ritenuta d’acconto (20%) sul corrispettivo lordo e sugli eventuali rimborsi da parte del committente che svolge ruolo di sostituto di imposta (non dovuta in caso di committenti soggetti privati o soggetti aventi residenza o sede fuori dal territorio nazionale);
  • corrispettivo netto, pari alla differenza tra il corrispettivo lordo e l’eventuale ritenuta di acconto (l’importo che deve essere preso in considerazione per la dichiarazione dei redditi è il corrispettivo lordo e la relativa ritenuta d’acconto);
  • rimborsi spesa, se presenti. Tali spese rimborsate dal committente non potranno poi essere portare a deduzione del proprio reddito in dichiarazione dei redditi e non concorreranno a formare reddito per lavoratore occasionale (quindi, non dovranno essere assoggettate a ritenuta di acconto). In caso di rimborsi, tutti i documenti dovranno essere allegati alla ricevuta. Diversamente, se si tratta di rimborsi a forfait, questi costituiscono ulteriore compenso per il lavoratore e dovranno essere assoggettati a ritenuta di acconto;
  • netto a pagare che si ottiene aggiungendo al compenso netto il valore degli eventuali rimborsi spesa documentati.

Sulla ricevuta per prestazione occasionale andrà poi, obbligatoriamente, apposta la marca da bollo da €. 2,00, qualora la prestazione superi la soglia dei € 77,47.

=> Marca da bollo su fatture: guida completa

In calce alla ricevuta devono infine essere riportate alcune indicazioni utili al committente, sia da un punto di vista fiscale che previdenziale:

  • Operazione non soggetta a IVA a norma dell’articolo 5, comma 2, DPR n 633/72;
  • Dichiarazione di non aver superato al soglia dei € 5.000 (diversamente il committente dovrà versare al lavoratore i contributi previdenziali alla Gestione separata INPS, secondo quanto previsto dall’articolo 44, comma 2, del DL n 269/03). Se la soglia è stata superata, tale indicazione non deve essere messa e bisognerà rilasciare al committente una comunicazione di superamento della soglia di 5.000 euro lordi.

Fac-simile ricevuta prestazione occasionale

Riportiamo di seguito un modello che è possibile seguire (copiare, incollare e completare) per compilare correttamente la propria ricevuta per prestazione di lavoro autonomo.

(Eventuale Marca bollo)

(Nome Cognome)

(Via n° Civico)

(c.a.p. e Città)

(Codice Fiscale)

(Luogo e data di nascita)

Spett.le (Nome Cliente)

(Via n° Civico)

(c.a.p. e Città)

(Partita IVA)

Nota n° X del …/…/…..

Il sottoscritto ________________________________________ dichiara di ricevere la somma lorda di euro ____________ (€ ________,00), di cui euro_______(€ ________,00) a titolo di rimborso spese per l’attività occasionale di collaborazione per______________________________________________________________________________________________________________________________________per un totale di ____ giorni.

Al suddetto importo lordo andrà detratta la ritenuta d’acconto (20%) pari a euro ___________________ (€ ______,00 ) per un corrispettivo netto pagato pari a euro (€ ______,00).

Corrispettivo lordo + €______________________

Ritenuta d’Acconto 20% – €______________________

Trattenuta INPS (al superamento dei 5.000 €) – €______________________

Importo netto = €______________________

Rimborsi spesa (Giustificativi intestati, viaggio,alloggio,vitto) + €______________________

Netto a pagare = €______________________

DICHIARA INOLTRE

sotto la propria responsabilità:

  • che la prestazione resa alla ditta ha carattere del tutto occasionale, non svolgendo il sottoscritto prestazione di lavoro autonomo con carattere di abitualità;

  • di non avere fruito nell’anno ai fini contributivi, della franchigia di € 5.000 prevista dall’art. 44 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269;

  • di non essere soggetto al regime Iva a norma dell’ex art. 5, comma 2, D.P.R. 633/72.

Data In fede

___________________________

(FIRMA)

I Video di PMI

Guida alle ferie aziendali