Green Italia Day: l’economia verde risorsa per l’Italia

di Anna Nosari

scritto il

L'approccio ecosostenibile è buono, etico ma soprattutto conveniente. Lo hanno confermato le più importanti aziende italiane riunite a Milano.

Dopo gli interventi di Matteo Fornara, direttore della rappresentanza a Milano della Commissione Europea, su green economye futuro della competitività del vecchio continente, di Cristina Gabetti, giornalista e autrice di “Occhio allo spreco”, e di Andrea Poggio, vicedirettore di Legambiente, si sono alternati e confrontati i tanti diversi volti della sostenibilità nella realtà italiana, in una interessante mappatura dei lavori in corso.

Stimolati dalle domande di Alberto Melgrati di Istud e di Federico Luperi di Adn Kronos, manager, direttori generali e responsabili di centri di ricerca di aziende più o meno grandi hanno raccontato esperienze e progetti: da Roberta Benedetti diE.ON ad Alberto Beretta di Oppent, da Lucio Bernard del centro ricerche FIAT a Giovanni Emidi di Energy Resources, da Luca Gorno di Daikin a Francesco Nalini di Carel, da Edi Fabbro di Electrolux a Roberto Gerbo di Intesa San Paolo.

Si è parlato di energia pulita e delle strategie adottate per sostenere la corsa alle rinnovabili, della mobilità basata su diverse tecnologie, dai motori a idrogeno, al momento passati in secondo piano per una serie di difficoltà di tipo tecnico, ai motori basati sulla propulsione elettrica, dal metano di origine naturale al bio-metano e all’idro-metano. Gli interventi si sono poi concentrati sui temi dell’architettura sostenibile e del green building, in un’ottica strategica globale sul territorio, del consumo privato e di elettrodomestici “intelligenti”, del condizionamento domestico e della refrigerazione industriale, fino ad una nuova soluzione per lo smaltimento dei rifiuti urbani, grazie ad un impianto pneumatico, ed alla figura dell’energy manager, l’esperto in efficienza e gestione dell’energia.

Le diverse testimonianze hanno composto uno spaccato sullo stato dell’arte dell’economia green in Italia, sui progetti futuri e sulle tante potenzialità ancora da esplorare, con una conclusione condivisa da tutti gli intervenuti: il percorso verso la sostenibilità è fondamentale per lo sviluppo economico, per la competitività delle imprese e per una vita migliore per tutti.

E l’Italia ha risorse, capacità e conoscenza per giocare un ruolo di primo piano in questa importante sfida.