Licenziamento disciplinare: valutare gravità della condotta

di Teresa Barone

scritto il

Non esistono regole universali per licenziare un dipendente per motivi disciplinari: dipende dalla gravità della condotta.

Il licenziamento per motivi disciplinari deve essere sempre valutato caso per caso, indipendentemente da quanto previsto dalla disciplina collettiva: lo afferma la Corte di Cassazione ribadendo la necessità di verificare la gravità della condotta prima di licenziare un dipendente anche per giusta causa.

=> Scopri le tecniche più usate per licenziare un dipendente

Secondo quanto stabilito dalla sentenza n. 16095 del 26 giugno 2013, infatti, spetta al giudice chiamato a valutare la legittimità del licenziamento verificare che sussistano motivi sufficientemente gravi per procedere su questa via.

=> Scopri come cambia il rapporto datore-dipendente

La sentenza è stata emessa a favore di un dipendente licenziato per abbandono del posto di lavoro, un provvedimento considerato eccessivamente severo considerando che il lavoratore ha lasciato la sua postazione 30  minuti prima della fine del turno e assicurandosi che il collega prendesse servizio mezzora prima dell’orario stabilito, in modo da non lasciare la postazione scoperta.

=> Leggi perché l’infedeltà all’azienda porta al licenziamento

Un’assenza definita troppo breve per essere punita con il licenziamento, valutando anche l’entità debole dei danni procurati al datore di lavoro.

I Video di PMI