Praticare uno sport pericoloso porta al licenziamento

di Teresa Barone

scritto il

Praticare uno sport estremo potenzialmente dannoso per la salute viola il dovere correttezza e buona fede, portando al licenziamento.

Se un dipendente pratica uno sport pericoloso che mette a repentaglio la sua salute e, di conseguenza, compromette la sua efficienza lavorativa, il datore di lavoro è legittimato a procedere con il licenziamento.

=> Jobs Act: reintegro solo per licenziamenti disciplinari

Una recente sentenza della Corte di Cassazione (n. 144 del 9 Gennaio 201 5) , sottolinea come anche la pratica di un’attività sportiva estrema rappresenta un comportamento contrario ai doveri di buona fede e correttezza che devono essere rispettati da ogni lavoratore.

Il caso, in particolare, riguarda un dipendente (già sottoposto a una riduzione di mansioni a causa delle sue precarie condizioni di salute) che ha proseguito a praticare uno sport pericoloso rischiando di non poter più adempiere ai suoi doveri lavorativi: secondo la Cassazione, il lavoratore è tenuto a rispettare l’obligo di correttezza e buona fede anche nei suoi comportamenti extralavorativi.

«Il lavoratore deve astenersi dal porre in essere non solo i comportamenti espressamente vietati dall’art. 2105 cod. civ., ma anche qualsiasi altra condotta che, per la natura e per le possibili conseguenze, risulti in contrasto con i doveri connessi al suo inserimento nella struttura e nell’organizzazione dell’impresa, ivi compresa la mera preordinazione di attività contraria agli interessi del datore di lavoro potenzialmente produttivi di danno.»

=> Leggi la normativa su licenziamento per assenze ingiustificate

 

I Video di PMI

Partite IVA dipendenti